Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
March 3rd, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Cinquecento anni di storia di una Famiglia Lussignana

Cinquecento anni di storia di una Famiglia Lussignana

Autore: Tullio Pizzetti
Anno di pubblicazione: 2006
Casa editrice: Del BIanco Editore

Dall’arte della seta nel Comasco alla navigazione
di lungo corso nel Mediterraneo e oltre
e alla progettazione navale a Trieste

È la storia dei Pizzetta (oggi Pizzetti), antica famiglia marinara di Lussino; una storia rac-contata cercando di inquadrare persone e fatti nel contesto degli avvenimenti storici del tempo.
Lunghe ricerche condotte dall’Autore nel¬l’Archivio di Stato di Venezia hanno rivelato la più lontana origine della famiglia, che, dai documenti rinvenuti, appare essersi portata verso la metà del ‘500 dal lago di Como a Venezia per esercitarvi il setificio. Da Vene¬zia un discendente passato in Dalmazia si stabilisce a Lussingrande intorno all’anno 1600, quando nell’economia della piccola isola prevalgono ancora pastorizia e pesca. Con lo sviluppo crescente delle attività ma¬rittime, agli inizi del ‘700 anche i Pizzetta ri¬sultano ormai prevalentemente dediti alla navigazione: l’impegno, con la propria Tartana, nell’ultima guerra di Venezia contro i Turchi costa loro sacrificio di vite e di beni. Lungo tutto l’arco del ‘700 i discendenti continuarono a darsi alla “professione marit¬tima” anche in qualità di capitani-armatori, battendo tutte le rotte della navigazione commerciale veneziana: i particolari di que¬sti viaggi, spesso avventurosi, emergono dalla massa di documenti reperiti non solo a Ve¬nezia, ma anche in altri archivi adriatici ed europei.
Ulteriori benemeranze acquisite nei con¬fronti dello Stato in tempo di pace portano il Senato veneto alla concessione di un’investi¬tura feudale nell’isola di S. Maura (oggi Lefcada) nello Ionio.
La caduta di Venezia, gli sconvolgimenti del periodo napoleonico e, più tardi, la crisi della véla, spingeranno la famiglia a un gra¬duale distacco dalla navigazione e infine al trasferimento dall’isola in continente, a Fiume e Trieste, dove tuttavia i suoi membri risulteranno attivi in professioni attinenti in vario modo al mare.

Tullio Pizzetti, nato a Pola, è discendente di una vecchia famiglia marinara di Lussingrande, benemerita della Repubblica veneta. Laureato a Genova in ingegneria navale e meccanica, ha lavorato a Trieste, dapprima nei cantieri e poi, per molti anni, quale perito navale. Lasciata la professione, per un decennio si è dedicato interamente allo studio della marineria di Venezia. Frutto delle sue estese ricerche condotte in un’ottantina di istituti, fra archivi e biblioteche, sparsi nel Maditerraneo e in Europa – è stata poderosa opera, in tre volumi, dal titolo : Con la bandiera del Protettor San Marco; La marineria della Serenissima nel Settecento e il contributo di Lussino (Campanotto Editore 1999), opera premiata, quale lavoro storiografico, al IV Concorso internazionale indetto dalla Fondazione Kreatives Alter di Zurigo.

Pagine: 355