Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
June 19th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Dizionario Fiumano-Italiano Italiano-Fiumano

Dizionario Fiumano-Italiano Italiano-Fiumano

Autore: Nicola Pafundi ( a cura di),
Anno di pubblicazione: 2011
Casa editrice: Associazione Libero Comune di Fiume in Esilio - Padova

Introduzione Nasce un nuovo dizionario della lingua fiumana e in molti si chiederanno perché. Qualcuno, con parecchia vocazione scientifico letteraria entrerà nel merito con soddisfazione e apprezzerà, capendone sforzo e significato, i motivi di fondo; altri, i nostalgici incalliti, sentendosi padroni, più che unici titolari di un patrimonio linguistico comune, andranno a cercare il pelo in un uovo che ne è privo per una infinità di ragioni: la prima e anche la principale sta nella naturale differenza, per inflessione o per mutamento, di un singolo vocabolo da regione a regione, da luogo a luogo, da rione a rione, e nel nostro caso reso ancor più accentuato dal fatto di non vivere, per motivi storici, nella stessa terra d’origine. Chi, invece, è aperto ai valori, alla loro conservazione, ha, in tre parole, conoscenza della realtà, vive, e lo dico al presente, quest’avvenimento non tanto con interesse quanto con calore. E’ a queste persone in particolare che il dizionario si rivolge, in quanto sanno, anche se embrionalmente, il valore della lingua dialettale, propria, radicata, capace di distinguerlo e di riflettere la sua personalità. Il mutare del tempo l’ha certamente corrotta, ma questo lavoro ha cercato di riportare alla luce ciò che il tempo ha mosso, e lo ha fatto accompagnando il dizionario Fiumano-Italiano e Italiano-Fiumano con una grammatica, un dizionarietto dei verbi, una sezione toponomastica, storica e di costume, fornendo a una lingua poco diffusa quella autorità letteraria conservativa di un patrimonio di civiltà e cultura valido per tutta la nazione. Per questo all’interno sono stati banditi possibili richiami ad ideologie, qualche termine è solo dovuto a richiami storici, vive solo la parola che anima e vivifica le cose e, essendo caratteristica dell’uomo, va conosciuta in tutti i suoi aspetti comunicativi, così da capire che sarebbe distruttivo perderla. Nicola Pafundi

Pagine: 323