Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
February 25th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Cid F41DF267F3C7468C859B4FAA47B80937@UtentePC

Kitarovic fa rimuovere il busto di Tito

ZAGABRIA – L’annuncio lo aveva dato lei stessa poche ore prima, ribadendolo nel corso della sua visita a Berlino. Detto fatto: il busto di Tito è stato rimosso ieri – appunto su volontà della nuova presidente croata Kolinda Grabar Kitarovic – da una sala del Palazzo della Presidenza della Croazia, sontuosa villa costruita negli anni Sessanta proprio come residenza dell’ex leader jugoslavo a Zagabria. Grabar Kitarovic, eletta lo scorso gennaio nelle file del partito conservatore Unione democratica croata (Hdz), all’opposizione, ha definito a varie riprese «dittatore comunista» il maresciallo Josip Broz, detto Tito, leader partigiano jugoslavo, e poi dal 1945 fino alla morte avvenuta nel 1980 capo indiscusso della Jugoslavia comunista. Secondo la presidente, il busto in marmo di Tito non dovrebbe avere posto nel palazzo presidenziale accanto alle sculture di altri illustri e noti personaggi della storia croata. La decisione di rimuovere Tito proprio dalla villa costruita per lui, e poi diventata nel 1992 sede del presidente della Croazia, ha suscitato una valanga di polemiche e divisioni nell’opinione pubblica croata. Per molti Tito, nonostante i molti errori, rimane uno dei più grandi personaggi della storia del Paese, che ha guidato la resistenza antifascista dei popoli jugoslavi e poi nel 1948 ruppe con Stalin, diventando poi leader del Movimento dei non-allineati durante la Guerra Fredda e costruendo un tipo di società socialista molto meno oppressiva in paragone ai Paesi rimasti nell’orbita sovietica.

«Il Piccolo», 20/03/15