Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
June 14th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Il cavaliere delle Alpi

Il cavaliere delle Alpi

Autore: Carlo Ghega
Anno di pubblicazione:
Casa editrice: Edizione Italo Svevo

C'è una frase che riassume il significato intrinseco di questo libro e che, a pronunciarla, fu proprio colui al quale è dedicato questo gradevole volume: "Con le ferrovie spariscono le distanze, si promuovono gl'interessi materiali, la coltura si accresce e si diffonde." Basterebbero, dunque, queste poche parole per riassumere l'epopea umana e professionale di questo ingegnere che, "tradendo" la sua famiglia, non diventò un ufficiale di marina, bensì un valido propugnatore e geniale progettista di una linea ferroviaria (la "Merdionale") che segnò la svolta per il porto-emporio di Trieste. � la metà dell'Ottocento ed i collegamenti ferroviari da e per il porto di Trieste non rappresentano il volano per la crescita economica della città; ci pensa Carlo Ghega con il suo progetto di linea ferroviaria che entri nel cuore dell'Europa attraverso il valico (o sella) Semmering (da qui, anche, l'appellativo di ferrovia del Semmering) in Austria e che trova l'appoggio del Governo di Vienna desideroso, da un lato, di aumentare le potenzialità dello scalo giuliano e dall'altro di dare lavoro a migliaia di disoccupati delle regioni alpine. Il volume di Aldo Rampati, con la sua ricca iconografia, invita il lettore a salire a bordo di questo treno alla volta di un viaggio virtuale nella storia dove il protagonista di questa vicenda storica sfida la natura, apre gallerie e varchi nella nuda roccia, si cimenta con le avversità del tempo e di quanti non credettero - da subito - nel suo progetto. Un sogno, quello dell'ingegner Ghega che si trasformò in realtà e che permise alle banchine del porto di Trieste di accogliere una quantità innumerevole di merci provenienti dai più disparati paesi e pronte ad essere nuovamente "imbarcate". Ma questa volta su vagoni che si spinsero oltre le Alpi, appunto, nel cuore dell'Europa. (m. gobessi)

Pagine: 123