Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
August 14th, 2022
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Dannuznio Comisso Botter Padova Afim Lcfe Ssf

L’impresa di Fiume a Padova con d’Annunzio, Comisso e Botter

L’Associazione Fiumani Italiani nel Mondo – Libero Comune di Fiume in Esilio e la Società di Studi Fiumani saranno aPadova per parlare di Fiume attraverso la storia. Domenica 22 maggio, convegno e mostra per ricordare il contributo di valenti intellettuali all’Impresa di Fiume. Alle ore 15, a Palazzo Moroni, sala Paladin, dopo i saluti istituzionali di Andrea Colasio, Assessore alla Cultura del Comune di Padova e di Franco Papetti, Presidente Associazione fiumani italiani nel mondo-LCFE, avrà inizio il convegno intitolato “Giovanni Comisso e Mario Botter nella Fiume di D’Annunzio”. Relatori: Giovanni Stelli, presidente SSF di Roma che si soffermerà su “I fiumani e l’impresa:

patriottismo e coscienza nazionale italiana a Fiume nel periodo dannunziano”, seguito da Fabio Todero, storico e ricercatore dell’Irsml del Friuli Venezia Giulia, che affronterà il tema “D’Annunzio, patriottismo e nazionalismo dalla Grande guerra all’Impresa di Fiume” e dallo scrittore Diego Zandel, che parlerà di “Fiume e l’impresa dannunziana nei romanzi di Comisso”, scrittore che ha avuto modo di conoscere personalmente.

Seguirà, sempre a Palazzo Moroni, nel Cortile pensile, l’inaugurazione della mostra su Comisso e Botter a Fiume con d’Annunzio, in collaborazione con l’Associazione Amici di Comisso di Treviso. Grazie alla presenza dei relatori al convegno, l’argomento dell’esposizione verrà rivisitato e ampliato con nuove riflessioni e contributi storico-scientifici su un periodo di storia fiumana che continua ad essere argomento di studi, analisi e approfondimento.

Nei pannelli che compongono la mostra, a cura di Francesca Demattè, l’evento storico viene illustrato guardando in particolare alla presenza dei due giovani soldati di allora che seguirono Gabriele D’Annunzio durante tutti i 16 mesi della sua permanenza a Fiume. Nella ricostruzione della contingenza storica e dei contesti nazionale e internazionale nei quali si colloca l’azione dannunziana, emergono i legami culturali e di amicizia che unirono durante il biennio 1919-1920 tutti i protagonisti nonché i loro contributi allo svolgersi dei fatti.

Dopo Fiume, Comisso girò l’Europa ma si dedicò anche a lunghi viaggi in barca a vela lungo l’Adriatico, un’avventura che raccontò nei suoi romanzi. Botter, durante la Seconda guerra mondiale, venne stanziato sull’isola di Lussino. A lui si deve una importante campagna archeologica a Ossero.

La manifestazione, organizzata da AFIM-LCFE e SSF, che si avvale del patrocinio della Regione Veneto e della Fondazione Vittoriale degli Italiani di Gardone, si tiene all’interno di Palazzo Moroni, grazie alla disponibilità del Comune di Padova che ha messo a disposizione gli spazi dando l’avvio ad una importante collaborazione con l’AFIM che ha la propria sede proprio nella città patavina. La struttura che accoglie l’incontro è quanto mai prestigiosa: fu conclusa probabilmente durante la reggenza del Podestà Tomaso Morosini nell’ultimo decennio del Cinquecento. Lo spazio è contornato da un elegantissimo loggiato marmoreo elevato sullo stile dorico. Straordinario l’effetto chiaroscurale raggiunto isolando le colonne a tutto tondo dal retrostante pilastro. Luogo adatto ad una mostra che racconta la “sregolatezza” ma anche il genio.

 

 ”VERITA’ INFOIBATE
Il Ricordo a Bergamo

GUARDA LA DIRETTA

Intervengono:
Fausto Biloslavo il Giornale
Matteo Carnieletto il Giornale
Maria Elena Depetroni Anvgd Bg
Coordinamento : Viviana Facchinetti

×