Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
March 3rd, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Giuliani e Dalmati nella guerra di Liberazione

9-10 Settembre 1943 – 70° Anniversario della Difesa di Roma

Il 9 e il 10 settembre 1943 reparti dell’esercito italiano e gruppi di civili si opposero all’occupazione di Roma da parte delle truppe tedesche dopo l’armistizio del giorno prima. Altrettanto accadde in varie parti d’Italia (Ascoli Piceno, Tarvisio, Sassuolo, Gorizia, Trieste, in Sardegna) e altrove (Corsica, Spalato, Cefalonia, Rodi).
Fu l’inizio della guerra di Liberazione.
A Roma i combattimenti più duri avvennero a Forte Ostiense, alla Montagnola e a Porta San Paolo, ove erano attestati reparti della Divisione Granatieri di Sardegna, cui erano appartenuti e appartenevano tanti giuliani e dalmati, per antica tradizione (Scipio Slataper, Carlo e Giani Stuparich, Luigi Missoni, Antonio Vukassina…)Tanti giuliani e dalmati caddero così in quel settembre, da Roma a Cefalonia, per difendere la dignità della nazione.
La mancanza di ordini precisi portò al collasso dell’esercito italiano in tutta l’Europa. Le province orientali del territorio nazionale furono così abbandonate alla vendetta nazista e alla sete di annessione e di rivalsa sia dei partigiani iugoslavi di Tito che degli ustascia croati di Pavelić.
Come tutti gli italiani anche i giuliani e i dalmati fecero la loro scelta drammatica seguendo la loro coscienza e il loro sentimento dell’onore.
Migliaia di italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia combatterono nel Corpo Italiano di Liberazione e nelle formazioni partigiane italiane nel Centro e Nord-Italia e nella stessa Iugoslavia all’insegna del nostro tricolore.
Lungo è l’elenco dei decorati e dei caduti, da Montelungo nel dicembre 1943, dalla Linea Gotica nel 1944, al fiume Senio nel 1945.
Sono nomi di graduati, di ufficiali o di semplici soldati, marinai, aviatori, che si erano battuti con onore contro inglesi e americani fino agli ultimi capisaldi della Sicilia nell’agosto 1943 e poi si trovarono a combattere contro i tedeschi a Montelungo; sommergibilisti che avevano operato in Atlantico contro i convogli alleati e poi hanno compiuto azioni di commando ed esfiltrazione di resistenti sulle coste liguri o toscane; comandanti di battaglioni eritrei, diventati poi capi di unità partigiane nel Nord-Italia; reduci dall’Africa e dalla Grecia torturati e fucilati dai tedeschi in qualche città del Piemonte o del Veneto o morti nel lager per onorare il giuramento.
Combattevano anche per conservare all’Italia le loro terre natali. Anche questi nomi fanno parte della nostra memoria di esuli giuliano-dalmati e di italiani dell’Adriatico orientale, tutelata dalla legge n. 92 del 2004 istitutiva del “Giorno del Ricordo” delle Foibe e dell’Esodo. Perché molti di questi combattenti finiranno anch’essi nelle foibe e nel gulag iugoslavo a guerra finita, solo perché volevano restare italiani. I sopravissuti condivideranno con le famiglie l’umiliazione dei campi-profughi.
Siano di monito a tutti l’amore e la fedeltà dei giuliani e dei dalmati all’Italia e alla sua libertà.

Lucio Toth

DECORATI AL VALORE GIULIANI E DALMATI
DI NAZIONALITA’ ITALIANA PROVENIENTI DAL TERRITORIO EX-ITALIANO DELLA VENEZIA GIULIA E DALLA DALMAZIA
NELLA GUERRA DI LIBERAZIONE
(Esclusi triestini e goriziani)
Livio Andretti (Pola) Croce alla memoria – Trieste 30 aprile 1945
Antonio Antonazzi (Grisignana – Pola) Med. di bronzo – Montoso (Cuneo) dicembre 1944
Francesco Barisich (Zara) Med. di bronzo – S.I.M. settembre 1943-giugno 1944
Attilio Bartole (Pola) Med. di bronzo – Zona di Modena settembre 1943-aprile 1945
Antonio Biloslavo (Grisignana – Pola) Med. di bronzo – Toscana-Lazio aprile-maggio 1944
Giorgio Bohm (Lussinpiccolo) Med.d’argento – Cinque Rivi (Tarvisio) 1° dicembre 1943
Luigi Buranello (Pola) Med. di bronzo – Sarengrad (Iugoslavia) 12 aprile 1945
Nicolò Chersini (Cherso – Pola) – Grecia settembre 1943-novembre1944
Pietro Cini (Buie d’Istria) Croce V.M. – Bocche di Cattaro, 14-15 settembre 1943
Giuseppe Comici (Lussimpiccolo) Croce alla memoria – Cefalonia, 8-20 settembre 1943
Mario Copetti (Pisino) Med. di bronzo alla memoria – Fiume Tagliamento 25-26aprile 1945
Guido Cosulich (Lussimpiccolo) Regia Marina Med.d’argento – Disperso in missione speciale –Tirreno dicembre 1943-marzo 1944
Alberto Criscuolo (Pola) Granatieri di Sardegna Croce V.M. – Roma, 8 settembre 1943
Aurelio Cuzzi (Parenzo) Rgt. Legnano Med.di bronzo – Casa Carrara di Valle Idice 18 aprile 1945
Antonio Danieli (Pago – Dalmazia) Partigiano Med. d’oro alla memoria – Vascon di Carbonera 16 novembre 1944
Antonio Dapas (Rovigno d’Istria) Bersaglieri Croce V.M. – Valli del Musone e del Misa, 17 e 27 luglio 1944
Liberato Del Bello (Pirano – Pola) Partigiano Med.di bronzo alla memoria – Slovenia,aprile 1945
Enrico De Mori (Pola) Div. Granatieri di Sardegna Croce V.M. – Roma, 8-10 settembre 1943
Onorato Dezzoni (Castelline – Pola) Partigiano Croce alla memoria Fosso Marzio (Toscana) 14 luglio 1944
Gino Diumich (Fiume) Regio Esercito Croce V.M. – Bocche di Cattaro 14-15 settembre 1943
Umberto Felluga (Isola d’Istria) Partigiano Med.d’argento alla memoria – Dachau 20aprile 1945
Lorenzo Fonda (Pirano-Pola) Regia Marina Med. di bronzo Operazioni navali settembre 1943-aprile 1945
Ermenegildo Fragiacomo (Pirano) Regia Marina, Servizio Informazioni Croce V.M. Alta Italia, 5 febbraio- 25 aprile 1945
Enzo Freschi (Laurana- Fiume) Regia Aeronautica Med. di bronzo – Missioni speciali, aprile-novembre 1944
Servio Galzigna (Ragusa di Dalmazia) Regia Marina Med.di bronzo – Acque della Gorgona, 9 settembre 1943
Mario Giurini (Pola) Partigiano Med. di bronzo alla memoria – Bologna, 23 settembre 1944
Roberto Grisillo (Fiume) Rgt. Paracadutisti Nembo Med. di bronzo – Bologna 19-20 aprile 1945
Mario Guirini (Pola) Regia Marina, Partigiano Med. di bronzo alla memoria – Bologna, 23 settembre 1944
Adriano Host (Fiume) Regio Esercito Div. Bergamo Med.di bronzo – Dalmazia-Bosnia ottobre 1943 – gennaio 1945Oscar Kiss (Sussak – Fiume) Alpini Med. di bronzo – Albania, 8 settembre 1943 -11 giugno 1944
Armando Lauri (Sebenico) R. Carabinieri – Venezia Giulia, settembre 1944 – 25 aprile 1945
Furio Lauri (Zara) Regia Aeronautica Med. d’oro – Cielo dell’Italia occupata, 8 settembre 1943 – 17 aprile 1945
Ludovico Luraschi (Pola) Bersaglieri Med. d’argento alla memoria – Cassino, dicembre 1943
Giovanni Makaus (Arbe – Dalmazia) Regia Marina Med. d’argento – Missioni speciali, 9 settembre 1943 – 15 maggio 1945
Giuseppe Maras (Selve – Dalmazia) Bersaglieri Med. d’oro – Zara- Zagabria 9 settembre 1943-11 maggio 1945
Nicodemo Mattossi (Pola) R. Esercito Med. di bronzo – Albania, settembre 1943-gennaio 1944
Antonio Miletich (Lussinpiccolo) Regio Esercito Med. di bronzo – Sammarzano sul Sarno (Salerno), 8-24 settembre 1943
Ermanno Miletti (Pola) Regio Esercito 84 Rgt. Fanteria 2^ Brigata Garibaldi, Croce V.M. – Montenegro, 8 settembre ed oltre
Luigi Missoni (Gravosa – Dalmazia) Granatieri di Sardegna Med.d’oro sul fronte albanese nel 1940 – Resistente, catturato dai tedeschi moriva in prigionia – Castelfranco Emilia 1944
Antonio Musizza (Parenzo) 21° Rgt. Fanteria Cremona Med. di bronzo – Riano Ferrarese-
Ariano Polesine, 23-25aprile 1945
Matteo Nardon (Lussinpiccolo) R. Marina Med. di bronzo – Mar Nero, settembre-novembre 1943
Daniele Paoletti (Parenzo) 74° Rgt. Fanteria Div. Lombardia Med. d’argento alla memoria –
Lager della Germania settentrionale, settembre 1943- 6 luglio 1945
Giovanni Paron (Capodistria) Partigiano Croce V.M. – Veneto, settembre 1943 – aprile 1945
Carlo Pesel (Laurana – Fiume) Regia Marina Reparti d’assalto Med. d’argento nel 1942 per operazione nel porto di Algeri, Croce V.M. – Acque di Genova, 19 aprile 1945
Ruggero Polo (Portole – Pola) Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale Med. d’argento alla memoria – Biguglia (Corsica), 13 settembre 1943
Giovanni Polonio (Pola) Rgt. Paracadutisti Nembo Med. di bronzo – Grizzana, 10 aprile 1945
Antonio Pozzecco (Umago d’Istria) Regio Esercito 20° Rgt. Salmerie Croce V.M. – Isola di Montese, 5 marzo 1945
Antonio Prencis (Valle d’Istria) R. Esercito 35° Rgt. Artiglieria Croce V.M. – Briguglia (Corsica) 13 settembre 1943
Ernesto Provantini (Fiume) R. Esercito 88° Rgt. Fanteria Med. di bronzo alla memoria – Costa (Corsica), 14-25 settembre 1943
Ernesto Sabalich (Pago- Dalmazia) R. Esercito Div. Garibaldi Med. di bronzo – Montenegro – Sangiaccato, 8 settembre 1943-febbraio 1944
Mario Sardos Albertini (Capodistria) Regio Esercito Artiglieria – Guerra di Liberazione, dicembre 1943 – agosto 1944
Cesare Savini (Abbazia – Fiume) R. Esercito 87° Rgt. Fanteria, Gruppo di combattimento Friuli Med. di bronzo – Valle del Genio, 17 febbraio 1945
Andrea Scarangella (Pola) Partigiano Med. di bronzo – Zona del Monte Grappa, maggio 1944-aprile 1945
Francesco Sciolis (Pola) Milizia Vol. Sicurezza Nazionale Med. di bronzo – S. Andrea Biguglia (Corsica), 13 settembre 1943
Umberto Spina (Pola) R. Esercito 88° Rgt. Fanteria Med. di bronzo – Valle del Senio, 16 marzo 1945
Luigi Stercal (Zara) Regio Esercito 7° Raggruppamento Artiglieria Med. di bronzo – Bastia (Corsica), 12 settembre 1943
Alfredo Tomasi (Pola) Regio Esercito Fanteria Croce V.M. – Rodi, 10 settembre 1943Simone Tonci (Pisino – Pola) R. Esercito Rgt. Paracadutisti Nembo Croce V.M. – Imola, 12-13 aprile 1945
Enrico Tumino (Pola) R.E. Allievo Ufficiale Cavalleria, Partigiano Med. d’argento alla memoria – Brusasco (Torino), 16 novembre 1944
Marcello Tumino (Pola) R.E. Allievo Ufficiale, Partigiano Med. di bronzo – Valcasotto, (Cuneo), 14 marzo 1944
Antonio Usmiani (Pola) Stato Maggiore R. Esercito, Ufficiale di collegamento tra la Resistenza in territorio occupato e i comandi alleati, dicembre 1943- maggio 1945
Umberto Valenta (Parenzo) 35° Btg.Bersaglieri Corpo Italiano di Liberazione Croce V.M. – Monte Mare, 18 aprile 1944
Sisto Valente (Strugnano d’Istria) Partigiano Croce V.M. – Mrascevo (Slovenia), 31 marzo 1945
Antonio Valle (Barbana d’Istria) R. Esercito 11° Rgt. Artiglieria Legnano, Corpo Italiano di liberazione Croce V.M. alla memoria – Valle Zena, 20 aprile 1945
Nicolò Vidali (Pirano) Partigiano Med. di bronzo alla memoria – Trieste, aprile-maggio 1945
Giuseppe Zadro (Cherso – Pola) 21° Rgt.Fanteria Cremona, Corpo Italiano di Liberazione Med. di bronzo – Alfonsine, gennaio- 26-27 aprile 1945
Mario Ziza (Parenzo) R. Esercito 67° Rgt. Fanteria Med.di bronzo – Montelungo, 3 dicembre 1943
Mario Zusich (Villa Sbandati – Pola) 35° Rgt. Artiglieria Div. Friuli Med. di bronzo – Casamozza (Corsica), 12 settembre 1943.(dalla pubblicazione dell’Istituto del Nastro Azzurro di Trieste, 1997)

L’Osservatore Adriatico