Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
May 23rd, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Biloslavo Fausto

Il giornalismo di frontiera attraverso l’esperienza di Fausto Biloslavo

Ancora oggi le frontiere sono luogo di tensione e di conflitto, persino in Europa. Nelle aree di frontiera si trovano resti e testimonianze di vecchie guerre che più o meno casualmente possono riaffiorare. Muoversi su una frontiera significa conoscerne la storia e gli equilibri politici su cui si regge oggi, scandagliare il passato e conoscere le dinamiche odierne, che spesso risentono di influenze geopolitiche maggiori e che giungono da lontano. È questo il pane quotidiano di chi si cimenta nel giornalismo di frontiera.

E Giornalismo di frontiera è proprio il titolo dell’incontro che concluderà l’edizione 2023 de La Bancarella. Salone del libro dell’Adriatico orientale, organizzata dal Centro di Documentazione Multimediale della cultura giuliana, istriana, fiumana e dalmata insieme all’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia quest’anno nell’ambito di Librixia. Fiera del libro e della cultura di Brescia.

Intervistato dal Prof. Davide Rossi (Università degli Studi di Trieste) racconterà le sue esperienze dirette e fornirà spunti di analisi il giornalista Fausto Biloslavo, firma de Il Giornale e di Panorama, ma anche inviato in zona di guerra che è ultimamente apparso nei telegiornali Mediaset in collegamento dall’Ucraina. Proprio Ucraina. Nell’inferno dell’ultima guerra d’Europa è l’ultimo libro scritto dal reporter triestino di origini istriane con la collaborazione di Matteo Carnieletto e con la prefazione di Giuseppe Cruciani. Recentemente ha anche esplorato con taglio giornalistico in Verità infoibate. Le vittime, i carnefici, i silenzi della politica (ancora assieme a Carnieletto) la storia del confine orientale italiano, denunciando soprattutto omissioni e connivenze e dando visibilità alle più recenti scoperte di fosse comuni in Slovenia, piene dei resti di vittime (donne e bambini compresi) della repressione del dittatore comunista jugoslavo Tito alla fine della Seconda guerra mondiale.

Appuntamento domenica 1 ottobre alle ore 11:30 presso l’Aula Magna del Centro Congressi Paolo VI a Brescia.