Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
February 29th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

PremioTomizza

Premio TOMIZZA A Ivan Nino Jakovcic e alla sua idea d’Istria in Europa

La prolusione affidata a Maurizio Tremul

Ivan Nino Jakovčić, praticamente una leggenda. Amato e contrastato dentro e fuori il suo partito, la DDI, così come si conviene ad un politico in grado di prendere decisioni radicali, di proporre, inventare, tornare sui propri passi. Innovativo e passionale ma soprattutto alla testa, primo Inter pares, di un movimento-partito che ha decretato conclusa la lunga scia della seconda guerra mondiale in Istria. Ma soprattutto l’uomo che ha contribuito a traghettare la Croazia, e quindi la sua Istria, in Europa. Per tutte queste ragioni ad una manciata di giorni dalla realizzazione di un sogno – l’allargamento dell’UE in queste terre oggi 1.mo luglio – Trieste gli ha conferito il Premio “Fulvio Tomizza” all’impegno civile, alla forza delle idee.
Voluto nel 2004 dal Lions Club Trieste Europa, il riconoscimento diventa corale nel momento in cui alla cerimonia di conferimento – svoltasi venerdì sera all’Hotel Maria Theresia di Barcola a Trieste – si sono schierati i rappresentanti della Regione FVG, della Provincia e del Comune di Trieste, il Console d’Italia a Fiume, il Vicepresidente della regione Istria, il Sindaco di Pola, i rappresentanti dei Club gemellati. Insomma una festa ma anche un momento di riconoscimento ufficiale ad una carriera politica di grandi successi.
“E’ vero afferma Jakovčić, in Istria abbiamo lavorato tanto, con il concorso di tanta gente con la quale intendo condividere idealmente questo premio perché senza il loro appoggio, sostegno ed aiuto concreto non saremmo riusciti a raggiungere questi risultati”.
È poi specifica: “abbiamo rinnovato le infrastrutture, costruito nuove realtà ma il risultato maggiore non è nelle cose materiali ma nel clima che siamo riusciti a conquistare per un’Istria finalmente ed idealmente “casa di tutti”, degli autoctoni e di chi l’ha scelta come luogo di residenza, perché l’Istria è vita”.
La commozione di Laura Levi Tomizza, moglie e compagna dello scrittore scomparso, è evidente. Vittorio Piccoli, che in serata diventerà – dopo il passaggio della campana – il nuovo presidente del Lions Club Trieste Europa di Trieste, ricorda la telefonata a Laura per comunicarle il nome del vincitore del premio Tomizza 2013: “ah, che contenta che son, Nino xe l’omo che ga realizzado el sogno de Fulvio”.
Jakovcic racconta di aver conosciuto Tomizza quando “ero andato a trovarlo nella sua Matterda e avevamo parlato di tante cose. Qualche giorno fa a proposito di Tomizza ho letto che non era abbastanza croato per i croati né abbastanza italiano per l’Italia, perfetto per quest’Europa che riconosce le sfumature di individualità complesse”.
Della diversità in queste terre la DDI ne ha fatto una bandiera, un esempio in Europa, precorritrice di una nuova filosofia di vita e convivenza. Certo molte cose devono ancora essere, succederà col tempo perché è stato sparso un seme buono. Come spesso succede chi precorre i tempi non viene compreso, magari visto con sospetto ma è il prezzo da pagare allo sguardo lungo e a quella sensibilità che cambia il mondo.
Presidente, l’Europa fa paura a molti cittadini croati…
“Lo so ma mi sento di rassicurarli, sono un europeista convinto, certo la crisi mondiale non ci aiuterà ad ottenere a breve i risultati che vorremmo, ci sarà da lavorare tanto perché ciò che vogliamo accada ma sono convinto che la meta da raggiungere meriti tutto il nostro impegno”.
A commentare le motivazioni del premio è stato invitato Maurizio Tremul, Presidente della Giunta di Unione Italiana, che ha ricordato i momenti di impegno trasversale in Istria sui grandi temi come il bilinguismo all’interno di un movimento “interetnico e intergenerazionale che ha riscaldato i cuori di croati, italiani, sloveni e di tanti altri che a prescindere dalla loro identità linguistica, culturale, nazionale o religiosa, si sono riconosciuti parte di un’unica Comunità di destino, come ebbe a dire Edgard Morin: l’Istria. Un crogiuolo di popoli in cui figure come quelle dell’On. Ivan Nino Jakovčić, assieme ad altri uomini e donne di buona volontà, hanno saputo pazientemente e con lungimiranza ritessere (archiviato il Novecento e le sue violente contrapposizioni che affondano le radici nell’alba delle Nazioni) i fili di una convivenza evidentemente immanente al Genius loci, promuovendo lo sviluppo di una società aperta e dinamica, fondata sui valori di coesistenza pacifica delle diversità, del mutuo rispetto e del dialogo interculturale”.
A sessant’anni dall’esodo della popolazione italiana, in una terra che è cresciuta attraverso tanto dolore, il monito delle località abbandonate e vuote è diventato parte dell’identità di tanta gente che, in nome di questa sofferenza, di questo tributo di dolore già dato alla storia del Novecento, ha cercato di guardare oltre ed inventare modelli che dessero dignità a quanto successo, trasformando la tragedia in speranza, la diversità in segno di ricchezza.
Nino è stato uno dei protagonisti di questa sfida. Nato a Parenzo da madre austriaca “che ha conosciuto l’Istria ed ha deciso di farne la sua casa”, laureato in economia, parla correttamente tante lingue. Al pubblico del Lions e ospiti triestini si è rivolto nel suo ottimo italiano, dando così consistenza a quel multilinguismo e multiculturalità che permettono alle genti in Istria di parlare ognuno la propria lingua senza bisogno di traduzioni, con naturalezza, serenamente. Anche questa è Europa, lo era prima che l’Europa lo ratificasse, continuerà ad esserlo. Lo confermano nei loro indirizzi di saluto anche il Console d’Italia a Fiume, Renato Cianfarani che ha avuto “modo di toccare con mano la realtà composita di questa terra, dove l’Europa si respira con forza, dove l’italiano è presente, anche nell’amministrazione pubblica con alti incarichi affidati agli appartenenti alla comunità italiana. L’Italia ringrazia per quanto fatto, segue ed apprezza, questo volevo testimoniare” ha detto.
Il primo premiato del Tomizza fu Predrag Matvejević e poi Fulvio Molinari e poi ancora Ciril Zlobec, invitato ad intervenire come “decano – dice lui – e questo rivela la mia età. Ricordo Tomizza ed il suo coraggio di parlare a Lubiana in tempi in cui ciò veniva considerato sospetto, d’altronde io venivo a tenere conferenze a Trieste con le medesime difficoltà. Questa trasversalità ante litteram ci univa, convinti come eravamo che fosse compito della letteratura essere trainante nella creazione di nuove sensibilità nel rispetto dell’altro”.
Concetti che sono stati espressi anche negli interventi dell’assessore comunale alla Cultura di Trieste, Franco Miracco che ricorda Jakovčić a Venezia a ribadire il suo impegno per l’Euroregione. È poi di Francesco Peroni, a nome della Regione FVG, che si sofferma sui rapporti economici ma anche nel campo dell’istruzione e la formazione in atto con l’Istria.
Poi la consegna del premio: una statua di Livio Schiozzi, donata al Club dalla signora Rita, una colonna classica sulla quale troneggia un masso di pietra, istriana, come Jakovčić, come lo stesso Schiozzi che nei suoi ultimi anni, prima che la malattia lo strappasse agli affetti di chi l’ha conosciuto, aveva dipinto la pietra come in un ritorno alla terra dei padri, a quell’amore ancestrale che prima o poi riemerge, spinto in superficie da radici profonde che, in un terreno fertile, possono sperare di crescere e prosperare.
“Quanto mi manca Fulvio questa sera – confida la moglie Laura – sarebbe stato felice, commosso, forse incredulo per l’epilogo positivo di tanta sofferenza, si sarebbe sentito finalmente a casa”.
Rosanna Turcinovich Giuricin

L’Osservatore Adriatico