Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
February 29th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

837beb92b28ea568fefddb84380cbcb1

Relitto di Stuka ritrovato in Adriatico

ZAGABRIA – Il relitto di un bombardiere monomotore di produzione tedesca modello Junker Ju 87, meglio conosciuto durante la Seconda guerra mondiale come Stuka, abbreviazione di “aereo da combattimento in picchiata”, che probabilmente fu parte della Regia Aeronautica Italiana, è stato ritrovato sul fondo marino a largo della costa Adriatica croata. La scoperta, secondo gli esperti di archeologia marina e della Sovrintendenza per i Beni Culturali della Croazia, è a dir poco sensazionale dato ”l’ottimo stato di conservazione dell’aereo, praticamente intatto”. Infatti, secondo la stampa croata, al mondo, dei circa 6500 Stuka costruiti tra il 1936 il 1945 per la Luftwaffe e gli alleati della Germania, ve ne sarebbero solo altri due esemplari conservati così bene, esposti nei musei di Londra e Chicago, mentre altri cinque o sei sono preservati solo parzialmente.

Ad avvistare il relitto a metà settembre, a largo dell’isola di Zirje, vicino a Sebenico, in Dalmazia, alla profondità di 28 metri, è stato un gruppo di sommozzatori e archeologi che però non si sognavano nemmeno di trovare un aereo militare.

“L’aeroplano è intero, ma senza il motore, che deve essersi staccato al momento dell’impatto o di un atterraggio d’emergenza sulla superficie del mare”, ha spiegato alla stampa Ivo Miholjek, direttore del Dipartimento per l’archeologia marina dell’Istituto croato per la conservazione dei beni culturali.

“Manca solo un piccolo pezzo esterno della cabina, ma il resto è tutto al suo posto: le ali, gli strumenti nella cabina di pilotaggio, i sedili, l’armamento”, ha aggiunto Miholjek raccontando che solo pochi giorni dopo aver scoperto lo Stuka non lontano è stato ritrovato anche il motore che in una futura operazione di restauro sarà riunito all’aereo. “Il velivolo è nella sua posizione naturale posato sulle ruote, come se fosse atterrato in fondo al mare”, ha concluso. Lo storico Davor Puric, del Museo militare del Ministero della Difesa croata, è convinto che lo Stuka sia stato abbattuto dalla difesa anti-aerea del Regno di Jugoslavia il 12 aprile del 1941, il sesto giorno della guerra lampo di Hitler e dei suoi alleati contro lo Stato balcanico, sconfitto e occupato in meno di due settimane. Quel giorno tre bombardieri Ju 87R della 239/ma Squadriglia del Gruppo Bombardamento a Tuffo della Regia Aeronautica Italiana furono impegnati in un attacco contro una squadriglia di torpediniere jugoslave. Due Stuka italiani furono colpiti. Uno precipitò e i due piloti morirono, mentre il secondo tentò di ritirarsi verso l’Italia, ma non ci riuscì e fu costretto ad atterrare sul mare a largo dell’isola di Zirje. “I due piloti molto probabilmente riuscirono a salvarsi dal momento che abbiamo trovato la cabina di pilotaggio ancora aperta”, ha spiegato Puric, che non dice tuttavia se i due riuscirono poi a raggiungere l’isola.

ANSA, 01/10/14