Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
June 14th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Image

A Pola il bilinguismo fa passi avanti

Si è tenuta giovedì 28 settembre nel salone della Comunità degli Italiani di Pola una tavola rotonda sui diritti delle minoranze nazionali e sul progetto dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa SAMPLE, acronimo di Strengthening the Administration for Minority People Leads to Equality = Rafforzare l’Amministrazione per i Popoli di Minoranza porta all’Uguaglianza, che coinvolge realtà locali di Croazia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Serbia, Montenegro, Macedonia e Kosovo. Fabrizio Radin, vice-sindaco di Pola e presidente della locale Comunità degli Italiani, ha esposto le norme dello Statuto cittadino a tutela delle minoranze nazionali ufficialmente riconosciute: serba, italiana, bosgnacca, albanese, montenegrina, ungherese, macedone, slovena e rom. Quella italiana, in quanto l’unica autoctona, è la meglio garantita, con il diritto a uno dei due vicesindaci e ad uno dei vicepresidenti del Consiglio cittadino, nonché all’istruzione scolastica nella propria lingua. Le scuole italiane sono peraltro frequentate anche da ragazzi di madrelingua diversa, all’insegna della multiculturalità, dell’integrazione e del rispetto delle diversità. Secondo Radin, il progetto SAMPLE ha incrementato il bilinguismo croato-italiano, previsto dallo Statuto ma finora non attuato in maniera estensiva, permettendo la traduzione in italiano di tutti i documenti ufficiali dell’amministrazione cittadina, la collocazione di tabelle e insegne bilingui in città e negli uffici amministrativi, l’abilitazione di un interprete giurato per la lingua italiana nelle procedure riguardanti l’amministrazione cittadina, l’organizzazione di un seminario sui diritti della minoranza nazionale italiana e sull’uso paritetico della lingua italiana, l’organizzazione di un secondo seminario sulle modalità di applicazione dei diritti delle minoranze nazionali nelle autonomie locali e nell’Unione Europea, nonché lo svolgimento di corsi di lingua italiana per dipendenti e funzionari dell’amministrazione cittadina a forte contatto con il pubblico. La seconda fase del progetto, chiamata SAMPLE 2, ha avuto inizio il 4 aprile e si concluderà il 6 ottobre.

L’Arena di Pola, 1 ottobre 2016