Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
April 22nd, 2021
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Copertina Petaros

Gli incidenti di Spalato, Trieste e Maresego 1918-1921

Valentina Petaros Jeromela, 1918-1921 Fuoco sotto le elezioni. Gli incidenti di Spalato, Trieste e Maresego, Luglio, Trieste 2018.

 

Già autrice di quattro saggi che approfondiscono la presenza e l’attività dell’Ammiraglio Enrico Millo di Casalgiate e del suo governatorato militare della Dalmazia subito dopo la Prima guerra mondiale, Valentina Petaros Jeromela si è qui concentrata sulla situazione storica che ha portato all’incidente di Spalato che ha poi determinato gli eventi di Trieste (culminati nell’incendio del Balkan) e Maresego. Nella sua lunga ed estenuante ricerca di fonti nuove ed inedite è riuscita a trovare atti e prove su persone che ebbero ruoli importanti, personaggi che però nè la storiografia contemporanea nè quella classica sono riuscite a mettere in relazione. Dall’avvocato Dompieri, che fu il difensore nominato dai famigliari dei ragazzi uccisi a Maresego al “d’Annunzio jugoslavo” che incitò la folla a Spalato contro i marinai italiani. Gli scontri, i morti, le requisizioni di armi a Trieste la notte prima delle elezioni del 1921 sullo sfondo dell’American peace mission in Dalmazia testimoniata dai rapporti degli agenti segreti statunitensi. La dettagliata ricostruzione del processo tenutosi a Trieste anno dopo l’uccisione degli attivisti italiani a Maresego passa attraverso una rivisitazione della legislazione penale che da austriaca stava diventando italiana. Ne deriva una nuova visione di un periodo storico difficile, ricco e complesso ma mai scontato.

Valentina Petaros Jeromela è laureata in Filologia e critica dantesca alla Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli Studi di Trieste ed ha conseguito un Master in scienze archivistiche presso l’Archivio di Stato di Trieste.

 

 

 

IMG-20200310-WA0003[2]

Presentazione presso la Comunità Italiana di Rovigno annullata causa emergenza Coronavirus