Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
June 25th, 2021
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Scheda Elettorale Referendum 2 Giugno 1946

Il 2 giugno ’46 giuliani, fiumani e zaratini non poterono votare

Dei 573 seggi dell’Assemblea Costituente da assegnare e previsti dal Decreto Legislativo Luogotenenziale n. 74 del 10 marzo 1946, in realtà ne furono attribuiti soltanto 556, mancando all’appello i 13 previsti per la Circoscrizione XII (Trieste e Venezia Giulia – Zara), oltre ai 5 della provincia di Bolzano. Con un ulteriore Decreto Luogotenenziale, di soli sei giorni successivo, fu ritenuto impossibile lo svolgimento delle elezioni in quelle terre di confine, a causa della situazione internazionale. Il momento fondativo dello Stato Italiano uscito dalle macerie del conflitto si svolse pertanto senza coinvolgere i cittadini residenti in terre che, fino alle deliberazioni...
CdR TS 21 Bis

Torna la Corsa del Ricordo a Trieste

Torna la Corsa del Ricordo a Trieste, appuntamento il 6 Giugno 2021, di seguito il regolamento  REGOLAMENTO DELLA DELLA CORSA DEL RICORDO - TRIESTE Il comitato organizzatore “Trieste Corre”, con la coorganizzazione di Lega Nazionale, Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati ed Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia ed il Patrocinio della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia - Assessorato Turismo e del Comune di Trieste, ORGANIZZANO In data 6 giugno 2021 in Trieste presso la Foiba di Basovizza, la 3^ edizione della “CORSA DEL RICORDO”, gara competitiva di corsa su terreno misto asfalto/sterrato di 8 km circa a carattere...
Foiba Di Basovizza 547x264

1 maggio 1945 Le foibe… un incubo

1 maggio 1945: Trieste è pronta a festeggiare la fine di una guerra, lunga e dolorosa. Il giorno precedente i Volontari della Libertà, gli uomini del C.L.N. guidati da don Marzari, hanno preso il controllo della città, sottraendolo alle truppe tedesche ( e la mediazione del Vescovo mons. Santin è riuscita anche a salvare il porto e le altre strutture della città). La guerra è dunque finita ed i Triestini si accingono a festeggiare la pace, come armai si fa in tutt’Italia ed in tanta parte d’Europa. Ma la realtà che scoprono, quella mattina del 1 maggio, è tutt’altra. I nuovi arrivati, le truppe comuniste jugoslave del maresciallo Tito, non sono portatori di pace, sono...
TitiniOpicinaCarriarmati

Il 25 aprile non fu una liberazione per tutti gli Italiani

Nel giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia scatenava l’insurrezione a Milano e nelle altre principali città ormai abbandonate dai tedeschi in ritirata, all’estremo nord-est la situazione era ben diversa. Le truppe anglo-americane erano lontane dalla Venezia Giulia poiché, una volta sfondata la Linea Gotica, la priorità era raggiungere il Brennero e da lì arrivare rapidamente in Baviera, ove si temeva che si sarebbe concentrata l’ultima disperata resistenza germanica. Marciava invece a tappe forzate l’Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia, interessato più a raggiungere Trieste, Gorizia, Pola e Fiume che a riprendere il controllo di città...
Chiesa Armena Trieste

La nascita della comunità armena di Trieste

Il 24 aprile 1915 segnò l'inizio dello sterminio della comunità armena residente all'interno dell'Impero Ottomano: già in precedenza vi erano state persecuzioni e sopraffazioni da parte del Governo dei Giovani Turchi, ma nell'imperversare della Prima Guerra Mondiale si consumò il massacro di un milione e mezzo di persone. Ancor prima di questa catastrofe la diaspora armena si era diffusa in tutto il mondo e anche Trieste, dopo l'istituzione del Porto Franco nel 1719, ha accolto una comunità armena che ha contribuito allo sviluppo cittadino. La nascita della comunità armena di Trieste: un difficile inizio (1770-1810) La crescita di Trieste negli anni centrali del Settecento,...
Santin Sigillo Trecentesco Trieste

Santin defensor civitatis di Trieste

Il Piccolo nasce a Trieste per tenere vivi i sentimenti della cultura italiana nel contesto dell’Impero Austro-Ungarico con un indirizzo liberale. Ai tempi il governo della diocesi di Trieste era retto da ecclesiastici proposti al Papa dall’Imperatore, come i Vescovi mons. Legat,Glavina, Nagl e Karlin. Caduto l’Impero nel 1918 e venuta l’Italia, Karlin chiese di essere trasferito dal territorio italiano e sarà poi nominato Vescovo di Maribor. Il primo Vescovo di Trieste e Capodistria sotto il Governo italiano sarà il piemontese Angelo Bartolomasi, già Vescovo castrense, che opterà per la diocesi di Pinerolo e lascerà la Cattedra a mons. Luigi Fogar, segretario...
Vita A Palazzo Silos

Gli esuli al Silos di Trieste

Vita a Palazzo Silos, di Annamaria Zennaro Marsi, racconta l’esperienza da bambina dell’autrice, esule di Cherso, al Silos di Trieste. Il libro, oltre a fotografie originali dell’autrice, contiene anche quindici video dell’epoca, accessibili tramite i QR code inseriti nel testo e visualizzabili su YouTube: http://www.youtube.com/watch?v=lOLNXLgUdaQ&list=PL8I-L_FfF6oNgyhuen_Li9KbPL3McH9gs Si tratta di video originali dell'epoca, filmati da Giuseppe "Pino" Fucci, esule da Pola e anch’egli ospite al Silos con la famiglia per molti anni, e montati da Maria Grazia Fucci. Il Silos di Trieste, già deposito di granaglie e terminale ferroviario ai tempi dell’Impero...
IMG 20191108 100111

Magazzino 26. Sta per nascere un Polo museale internazionale

Ultimati i lavori al secondo piano del polo museale dove a breve sarà allestito l'ente volto alla conservazione e valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio storico e culturale delle popolazioni italiane dell'Istria. Sono stati presentati e consegnati gli spazi e i servizi museali realizzati al secondo piano del Magazzino 26 in Porto Vecchio a Trieste, i cui lavori sono stati portati a termine in questi giorni e che consentiranno di spostare e valorizzare il materiale museale attualmente conservato nel Magazzino 18 con le storiche masserizie degli esuli dall’Istria e dall’Adriatico Orientale.   Un investimento di 1 milione di euro Sul posto sono intervenuti il...
Rossetti Ricordo

Ricordare, portare al cuore

RICORDARE, PORTARE AL CUORE, con Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Andrea Germani, Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Jacopo Morra, Maria Grazia Plos, a cura di Paolo Valerio, video a cura di Zunami Films Studio, diretto da Giulio C. Ladini, operatore video Matteo Bernardis, editing Enrico M. Lucarelli, le riprese video sono state realizzate al Magazzino 18 (ringraziamo IRCI – Istituto Regionale per la Cultura Istriana Fiumana Dalmata per la collaborazione e il materiale iconografico); al Centro di Documentazione del Sacrario della Foiba di Basovizza (ringraziamo per la collaborazione la Lega Nazionale); al Centro Raccolta Profughi di Padriciano (ringraziamo per la...
Locandina Giorno Ricordo 2021 III

Il Giorno del Ricordo 2021 a Trieste

In provincia di Trieste in occasione del Giorno del Ricordo, avranno luogo le seguenti iniziative, organizzate in modalità ridotta rispetto agli anni precedenti, alla luce della persistente emergenza Covid – 19 e delle relative normative vigenti. Le associazioni hanno prevalentemente utilizzato le piattaforme che permettono una partecipazione on-line mentre le cerimonie si svolgeranno con la partecipazione ridotta del pubblico solo su invito. La cerimonia istituzionale si svolgerà il 10 Febbraio, Giorno del Ricordo in base alla Legge 92 del 30 marzo 2004. Mercoledì 10 Febbraio 2021 Ore 9.45 Deposizione di corone alla Foiba n. 149 di Monrupino. Ore 10.30 Cerimonia...