Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
February 27th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Istria Rossa Verde Bianca Tricolore

Opere letterarie in dialetto istrioto ed istroveneto

Gavè mai pensà che le robe che ne riguarda – a pato che no sia qualcosa de bruto – co le vien usade o presentade in publico le diventa speciali, quasi più nobili?

Pensè per esempio a casa vostra, ghe ste dentro ogni giorno, la vedè ogni giorno, niente de ecstra, insoma. Ma imagineve de vederla, de punto in bianco, in television, son sicuro che ve meteriivo subito a ciamar marì (o moglie), fioi, parenti e magarì ghe telefonasivo presto a qualche d’un per dir, con una punta de orgoglio, “ara che in television i mostra casa mia”.

La stesa roba la val peri dialeti. Per cinquanta ani i Croati de paese i se vergognava de parlar in cità in tel suo dialeto, per no pasar per contadini, fin quando, prima Franci Blašković, poi, con suceso nazional, Alen Vitasović, Livio Morosin i Gustafi e de l’altra parte del Monte Magior Šajeta no i ga comincià a cantar in ciacavo in modo diferente da Elio Pisak e Sergio Pavat. In questo modo i lo ga sdoganà no solo in campo artistico, ma anche nela comunicasion de ogni giorno.

Milan Rakovac, scrivendo in dialeto sul giornal, el ga rinforzà questo senso de orgoglio, de apartenensa, de voia de usar publicamente el proprio dialeto. Prima el iera confinà ala poesia, quela de Mate Balota, Zvane Črnja, del steso Rakovac, de Miroslav Sinčić, ale inovasioni de Daniel Načinović e a quela „meꭍo genio” che xe Roberta Razzi che la ga lassà star le grote e la tera e la ga comincià usar el ciacavo albonese per parlar de amor tra i linsioi e far cabaret.

Anche i nostri dialeti taliani de l’Istria, l’istrioto e l’istroveneto, i ga avù e i ga la sua valoriꭍasion artistica. El fato xe che anche ogi quela più conosuda xe le “Canzoni de una volta”, tute in dialeto istroveneto, de Lidia Percan (i nostra veci i la ciamava Lidia Persan, la “c” croata la ghe iera dura da pronunciar). Anche Franci e Rakovac (specie nel romanzo “Riva i druxi”) i ga ‘doperà bastansa i dialeti taliani de l’Istria.

Quel che se sa de meno xe che la poesia in istrioto del Rovignese Ligio Zanini e dela Dignanese Loredana Bogliun Debeljuh le xa considerata dala critica italiana come vera, grande poesia.

Zanini, oltre a scriver “Martin Muma”, uno dei primi romanzi sul teribile campo de prigionia de l’Isola Calva (Goli Otok), el ga scrito ben sete racolte de poesie, la più famosa xe “Favalando cul cucal Filéipo in stu cantun da paradéisu” (“Ciacolando col cucal Filipo in ‘sto canton de paradiso”).

Loredana Bogliun, proprio come Roberta Razzi, la gavù la sodisfasion de veder qualche sua poesia musicada dala brava gezista istriana Tamara Obrovac: tra un per, me vien in mente “Toucà la louna” (“Tocar la luna”). De tuto quel che la ga scrito, andasi leti i libri “Mazere” (“Mureti a seco”) tradoto anche in croato col titolo del “Gromače” nientemeno che da Tonko Maroević e „Graspi“, publicado da l’Edit.

La casa editrice de Fiume, per quel che riguarda i poeti istrioti, la ga publicà anche le racolte “Granai de pulvaro” (“Grani de polvere”) dela poetesa de Dignan Lidia Delton e “Preîma d’el sul a monto“ (“Prima del tramonto”) del Rovignese Libero Benussi, che per el festival del istrioto de sto ano el ga publicà “Intùi cursaruòi” (“In tele venadure dele grote”). Tra i poeti istrioti xe anche i Valesi Romina Floris e Sandro Cergna.

Poi xe la poesia in istroveneto e i nomi che spica xe quel del Capodistrian Marco Apollonio e quei dele due Polesane Gianna Dallemulle Ausenak e Ester Sardoz Barlessi, che in dialeto le ga scrito anche prosa.

De la Gianna xe de leger i raconti “Cucaie e gabbiani” e le poesie che se trova nele antologie del concorso “Istria Nobilissima” e lo steso val per la Ester, perché le racolte de poesie de ste do brave poetese le devi eser ancora mese insieme e publicade, anche perché le se lo merita.

La Ester Barlessi  i la conossi in tanti perché la ga scrito el romanzo (ma in talian “in cichera”) “Una famiglia istriana”. Per ani la ga avù in tela Voce del popolo la sua rubrica in dialeto “Drio el canton” che poi, nel magio del 2017, pochi mesi dopo la sua morte, l’Edit ga ingrumà insieme e publicà in un libro col steso titolo. Memorabile la sua poesia “Una cità con tanti paroni”.

Uno che scrivi e publica tanto xe anche el polesan Miro Gagliardi; “L’albero de Nadal” uno dei sui primi libri, xe uno dei più bei che el ga scrito.

Anche se la scrivi in italian, se devi nominar la Nelida Milani Kruljac, la più grande e pluripremiada scritrice dei Taliani de Croazia e Slovenia, con libri publicadi anche dala prestigiosa casa editrice taliana Sellerio. Bisogna nominarla perché i sui testi i xe pieni de una lingua ibrida, cariga de dialeto, e de dialeto profuma anche i loghi che la descrivi, sia a Pola, ale Barache, sia in altri loghi de l’Istria.

Se in istroveneto se dixi “ghe go dito a mia mama” e in istrioto “ghe je dito a me mare” (ma anche “ghe je deito a me maro”), a Fiume se dixi “ghe go deto dala mama”. Anche i Fiumani i parla istrovento, ma un fià più italianizà e, per i istriani, anche strambo. Chi che, tra quei che scrivi, li rapresenta meo xe Egidio Milinovich (l’Edit che ga publicà la racolta “Ioze fiumane”), ma qualche poesia in fiuman i la scrita anche altri due poeti conosudi adiritura in Italia: Laura Marchig e Giacomo Scotti.

No ‘cori gnanche dir che tanta leteratura in dialeto la xe stada scrita da i esuli, e quel che scrivi lori xe interesante perché, stando lori in Italia, no i ga imbastardì el dialeto che i se ga portà drio de casa con parole che deriva dal contesto de vita croato come che ne ga capità a noi. Nominerò solo el Polesan Roberto Stanich che el stava in via Medolin, e partindo da quel suo picio mondo el ga scrito un per de libri de raconti: ‘desso me vien in mente “Merlo de graia” e “El roplan dei sogni”.

E poi se devi nominar el recupero de la tradision che, con musica e testi, fa el musicologo Dario Marušić.

Prima de saludarve e de invitarve a leger i nostri leterati che i ga scrito in dialeto xe e dir un’ultima roba. Grasie al Festival de l’istroveneto e a quel de l’istrioto in tei ultimi ani se ga scrito sai cansoni bele e moderne i tei do dialeti. Chi che ga la posibilità forsi el dovesi trovar el modo de farle girar de più e de farle trasmeter sai de più dale radio. Magari verꭍendo una radio aposta, che deso no costa sai.

Silvio Forza
Fonte: Istra24 – 04/11/2023