Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
May 14th, 2021
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

IlDalmata

Il Dalmata di maggio 2021

Può venire qui gratuitamente consultato online ovvero scaricato in formato Pdf il numero di maggio 2021 de "Il Dalmata", mensile dell'Associazione Dalmati Italiani nel Mondo - Libero Comune di Zara in Esilio: Il Dalmata_05_2021 In questo numero ampio spazio è ancora dedicato alle cerimonie del Giorno del Ricordo 2021, ma particolarmente interessante è un articolo di Dario Fertilio su Marco Polo ed il carattere nazionale dalmata, riprendendo tematiche proprie di Niccolò Tommaseo.  
SocietaStudiFiumani

Assemblea annuale della Società di Studi Fiumani

Nell’assemblea sociale della Società di Studi Fiumani del 24 aprile 2021 sono state stabilite le seguenti cariche: Direttivo della Società di Studi Fiumani per il nuovo quadriennio 2021-2024 compreso (il nuovo rinnovo delle cariche avverrà nel 2025) Presidente: Giovanni Stelli Vice Presidente: Roberto Serdoz Segretario Generale   Delega Tesoreria  Marino Micich Conservatore Archivio: Emiliano Loria Conservatore biblioteca: Franco Laicini Consiglieri: dott. Abdon Pamich, arch. Gianni Bulian, rag. Massimo Gustincich, dott. Franco Papetti, sig.ra Niella Penso, prof. avv. Augusto Sinagra, dott. Evimero Crisostomi, prof. Maurizio Brizzi. Collegio dei Sindaci:...
Bersa

La guerra al Regno di Jugoslavia

20 PUNTI (FERMI) SULLA GUERRA AL REGNO DI JUGOSLAVIA   * 25 marzo 1941: a Vienna, al Palazzo del Belvedere, il Regno di Jugoslavia sottoscrive un patto con le potenze dell'Asse, Germania e Italia, che sono in guerra contro Francia e Gran Bretagna; la Germania dal settembre 1939, l'Italia dal 10 giugno 1940. La Germania è anche legata all'URSS dal patto Molotov - Ribbentrop.   * 26 marzo 1941: a Belgrado un golpe militare (finanziato dagli Inglesi) esautora il governo legittimo, manda in esilio il Reggente Paolo (a favore del «re fanciullo» Pietro) e denuncia il patto del Belvedere   * 27 marzo 1941: Churchill annuncia di aver stretto un patto con il...
Foiba Di Basovizza 547x264

1 maggio 1945 Le foibe… un incubo

1 maggio 1945: Trieste è pronta a festeggiare la fine di una guerra, lunga e dolorosa. Il giorno precedente i Volontari della Libertà, gli uomini del C.L.N. guidati da don Marzari, hanno preso il controllo della città, sottraendolo alle truppe tedesche ( e la mediazione del Vescovo mons. Santin è riuscita anche a salvare il porto e le altre strutture della città). La guerra è dunque finita ed i Triestini si accingono a festeggiare la pace, come armai si fa in tutt’Italia ed in tanta parte d’Europa. Ma la realtà che scoprono, quella mattina del 1 maggio, è tutt’altra. I nuovi arrivati, le truppe comuniste jugoslave del maresciallo Tito, non sono portatori di pace, sono...
AdP 042021

L’Arena di Pola di aprile 2021

Cari Amici Lettori de L'ARENA DI POLA, cari Soci dell'AIPI-LCPE, sì com'a Pola presso del Carnaro, ch'Italia chiude e suoi termini bagna... Nell'anno dedicato a Dante, nel numero in uscita della nostra Arena non poteva mancare la citazione dei suoi versi riferiti a Pola. Un numero quello di aprile con pagine speciali, dedicate ad importanti notizie ed anniversari: da Dante appunto a Tartini alla fondazione della scuola Dalmata a Venezia. Il tutto inserito in una panoramica di cronaca, storia e approfondimenti vari. Qualche anticipazione del sommario: - L'intervento del presidente Mattarella all'inaugurazione della piattaforma Dante.global - I 160 anni dall'Unità d'Italia –...
Dante Irredentismo

Dante l’irredentista fu manifesto di italianità per le terre contese

In un saggio pubblicato da Carocci Fulvio Conti ripercorre settecento anni di riletture e manipolazioni politiche del sommo poeta in particolare fra le due guerre mondiali. Nell'anniversario dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri fioccano sugli scaffali delle librerie le opere sul tema. Una delle migliori apparse porta la firma di Fulvio Conti: “Il Sommo italiano. Dante e l'identità della nazione” (Carocci, 2021, 242 pagine, 18 euro), in cui sono ripercorse le trasformazioni dell'immagine del “divin poeta” dal Settecento ai nostri giorni. Non una biografia  dunque, ma una scrupolosa indagine su come la figura di Dante è stata assorbita, manipolata, incensata da...
Caffè Municipio Rovigno

Al tempo dei Caffè in Istria e a Fiume

Per ricostruire eventi e personalità che hanno determinato la temperie culturale e l’ambiente sociale di alcuni centri dell’Istria e di Fiume tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento (sulla scia di Trieste, dell’ambito mitteleuropeo e ancor prima di Venezia) è fondamentale “passare” dai Caffè, che hanno definito uno stile di vita e una loro facies culturale specifica.  I caffè in particolare, ma anche teatri, cinema, circoli sportivi, artistici e letterari nei quali giunsero a maturazione fermenti e intrecci tra etnie ed esperienze diverse e che, nella cornice storica in cui si inquadrarono queste realtà culturali, costituirono anche dei focolai di...
Tartini Pirano

Tartini allievo dell’Università di Padova

Venerdì 23 aprile 2021 si è tenuto l`incontro “Tartini allievo UniPd”, una chiacchierata di poco più di un’ora dedicata al violinista originario di Pirano. Tale videoconferenza può essere vista sul canale YouTube del Centro di Documentazione Multimediale della Cultura giuliana, istriana, fiumana e dalmata: http://www.youtube.com/watch?v=FpkgzMwK5L0 L’incontro ha riunito esperti attivi da tempo, in ricerche e progetti di ampio raggio, che nel 2020 sono coincisi con 250 anni dalla morte del Maestro istriano. Ne vanno segnalati soprattutto due: il primo ha coinvolto Italia e Slovenia, cofinanziato dal Fondo sociale europeo http://www.discovertartini.eu/​, il secondo...
Premio Tanzella

XVIII edizione del Premio Tanzella

Il Comitato Provinciale di Verona dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia bandisce il Premio Letterario “Gen. Loris Tanzella”, giunto al traguardo della sua XVIII EDIZIONE ricordando così la figura del Generale che in vita ha testimoniato, con il suo amor di patria ed encomiabile impegno, la causa giuliano-dalmata nella difesa dei diritti storici e morali delle popolazioni d’Istria, Fiume e Dalmazia. Il Premio Tanzella intende valorizzare e promuovere ricerche e scritti la cui finalità consiste nel recupero e nella trasmissione della memoria della storia degli esuli giuliano-dalmati e della loro cultura, divulgandone in tal modo la conoscenza. ...
TitiniOpicinaCarriarmati

Il 25 aprile non fu una liberazione per tutti gli Italiani

Nel giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia scatenava l’insurrezione a Milano e nelle altre principali città ormai abbandonate dai tedeschi in ritirata, all’estremo nord-est la situazione era ben diversa. Le truppe anglo-americane erano lontane dalla Venezia Giulia poiché, una volta sfondata la Linea Gotica, la priorità era raggiungere il Brennero e da lì arrivare rapidamente in Baviera, ove si temeva che si sarebbe concentrata l’ultima disperata resistenza germanica. Marciava invece a tappe forzate l’Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia, interessato più a raggiungere Trieste, Gorizia, Pola e Fiume che a riprendere il controllo di città...