Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
July 5th, 2020
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Trieste 12 Giugno

Dopo il 12 giugno 1945 le stragi titine proseguirono

L’ingresso delle truppe jugoslave a Trieste, Gorizia, Fiume ed in Istria a inizio maggio del 1945 portò a compimento la trasformazione di una lotta di liberazione nazionale in un progetto espansionista che travalicava i confini internazionalmente riconosciuti della Jugoslavia prebellica. Ecco perché il 12 giugno 1945 può essere considerato come una liberazione per Trieste e Gorizia rispetto alla presenza violenta e seminatrice di lutti dei partigiani di Josip Broz “Tito”. Il 16 anche Pola visse una momentanea liberazione, ma per il resto dell’Istria e per Fiume proseguì sotto l’apparenza formale dell’amministrazione militare jugoslava il processo di assorbimento nel nascente...
Foiba Di Basovizza 547x264

Il Presidente sloveno andrà alla Foiba di Basovizza

Il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor si recherà in visita assieme al Presidente della Repubblica italiana Sergio Matarella al Monumento nazionale della Foiba di Basovizza il prossimo 13 luglio. Questa notizia è stata accolta con grande soddisfazione dal Presidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia Renzo Codarin: «La visita dei due presidenti alla Foiba di Basovizza nella stessa giornata in cui si commemorerà il centenario dell’incendio dell’Hotel Balkan – dichiara Codarin – rappresenta, attraverso due luoghi fortemente simbolici, il reciproco riconoscimento delle sofferenze che hanno colpito le terre dell’Adriatico orientale nella...
Italo Svevo 2

Alcune considerazioni su “Zeno batte l’apartheid”

Vorrei fare alcune riflessioni su quanto scritto da Mauro Covacich su la Lettura del 7 giugno scorso nel suo interessante articolo “Zeno batte l’apartheid. La lingua di Italo Svevo contro il nazionalismo”. Vivo a Roma, ma sono figlia di esuli da Rovigno d’Istria e  consigliere nazionale dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, la più antica e importante delle associazioni degli esuli che dopo la Seconda guerra mondiale abbandonarono le terre dell’Adriatico orientale, terre dalla storia molto complessa. Nel 1382 avvenne la dedizione di Trieste all’Austria, che nel 1719 le concesse  il Porto Franco. La città ebbe uno sviluppo economico notevole con aumento...
Rodolfo Ziberna

Il 12 giugno si aggiunge alle ricorrenze storiche di Gorizia

Ziberna: “Giornata che corrisponde alla vera liberazione di Gorizia” Gorizia ricorda la giornata in cui, nel 1945, terminò l’occupazione della città da parte delle truppe titine. Il 12 giugno entra dunque nel novero delle date che il Comune di Gorizia intende valorizzare perché fra le più significative nella storia contemporanea della città. Lo stabilisce una delibera approvata oggi dalla giunta comunale, che estende così l’elenco delle commemorazioni che attingono dalla storia locale, tra cui quelle del 27 marzo 1946 (per le manifestazioni volte ad affermare l’identità italiana di Gorizia) e del 3 maggio 1945 (in ricordo delle deportazioni e delle uccisioni perpetrate...
Titini A Fiume

La verità su Trieste che non piace alla sinistra in Croazia

A margine delle dichiarazioni del Sindaco di Fiume – Rijeka, dr. Obersnel. su questioni storiche riguardanti la città di Trieste apparse su IL PICCOLO: non si può ignorare questa parte di verità quando si commentano fatti storici di grande complessità e importanza.   Ai primi di maggio del 1945 con l’arrivo delle forze partigiane jugoslave non ci fu vera liberazione né furono poste le basi per l’avvento di un regime democratico e pluripartitico a Zara, a Fiume, nell’ Istria o a Trieste. Alla missione storica di aver contribuito alla sconfitta del nazismo in quell’area di frontiera il Movimento popolare jugoslavo, controllato dai comunisti, aggiunse a questa il grave...
CValletti  21288

Gli esuli, sconcertati da Di Maio, vogliono incontrare Conte

L’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, sconcertata dalla mancata attenzione prestata nei confronti delle questioni ancora aperte riguardanti gli esuli istriani da parte del Ministro degli Affari Esteri Di Maio durante la sua visita in Slovenia, chiede che una delegazione delle associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati possa incontrare il Presidente del Consiglio Conte. In occasione della cerimonia istituzionale del Giorno del Ricordo 2020 il Presidente Conte aveva espresso parole adeguate e dimostrato interesse per la risoluzione delle problematiche ancora da portare a compimento in termini di diritti negati ai connazionali costretti ad abbandonare Istria, Fiume...
Francobollo Rovigno Arco

Il francobollo di Rovigno sarà bilingue

Nell’ambito della conferenza stampa di presentazione dei nuovi francobolli dedicati a Rovigno d’Istria stampati dalle poste croate è stato specificato che il 25 giugno uscirà una nuova tiratura comprensiva della dicitura bilingue Rovinj-Rovigno, come previsto da svariate normative. «La proposta dell’Onorevole Giovanardi che avevamo immediatamente condiviso – dichiara la vicepresidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, Donatella Schürzel, la quale si è fatta carico in prima persona della delicata questione – è stata recepita dalle Poste croate. Le nostre proteste hanno dato frutto, grazie anche alle personalità ed alle istituzioni che ci hanno...
AdP 052020

L’Arena di Pola di maggio 2020

Purtroppo i tempi difficili sono continuati anche nel mese di maggio. Ne prendiamo atto ne L'ARENA DI POLA in distribuzione. Nonostante tutto, abbiamo continuato a tenere aperta la nostra finestra sul mondo, fra cronaca, storia ed attualità, anche se ancora condizionati dall'emergenza sanitaria: verso la speranza, racchiusa in prima pagina nella foto delle Frecce Tricolori, che con il loro volo hanno simbolicamente riunito tutte le città d'Italia. Qui di seguito qualche anticipazione del sommario: - Il Covid-19 ha spezzato nuovamente la Venezia Giulia di Lorenzo Salimbeni - Genesi di una poesia all'Italia di Stefano Pilotto - Emergenza Covid-19 e generosità. Il gesto di...
Francobollo Rovigno

Le poste croate devono rispettare il bilinguismo dell’Istria

Ha destato sconcerto tra gli esuli istriani, fiumani e dalmati la notizia che le poste croate hanno presentato un nuovo francobollo dedicato a Rovigno d’Istria su cui il nome della città è scritto solo in croato, contravvenendo così ad una serie di leggi e di garanzie acquisite nel corso del tempo. «Ho preso contatto in loco, – comunica in una nota la Professoressa Donatella Schürzel – in qualità di Vice presidente Vicario dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia ed in accordo col presidente nazionale Renzo Codarin, con figure di alto riferimento istituzionale e culturale come il Vice sindaco di Rovigno, la Presidente della Comunità Italiana locale, il...
Scheda Elettorale Referendum 2 Giugno 1946

Il confine orientale e il voto del 2 giugno 1946

In occasione del 2 giugno, Festa della Repubblica, riproponiamo questo articolo del Prof. Davide Rossi (vicepresidente di Coordinamento Adriatico APS) inerente la mancata partecipazione al referendum istituzionale ed alle contestuali elezioni per l'assemblea costituente dei giuliani, fiumani e zaratini.  La Repubblica mutilata. Trieste e il voto del 2 giugno 1946: una vicenda sconosciuta di Davide Rossi - 03/06/2016 - Fonte: Ilgiornale OFF Pochi sanno che le prime elezioni italiane a suffragio universale, con voto diretto, libero e segreto avvengono con una distorsione territoriale non priva di conseguenze: è il 2 giugno del 1946 – esattamente settant’anni or sono – e, seppur...