Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
May 18th, 2024
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Anvgd Premio Ricordo Rosa Per Norma 7

Ai promotori della Rosa per Norma va il Premio del Ricordo

Un ricordo che unisce sempre più italiani, una pagina di storia patria che diventa sempre più patrimonio condiviso di una comunità nazionale e la tragica fine di Norma Cossetto che è sempre più un simbolo del martirio del popolo istriano nelle foibe. L’istituzione del Giorno del Ricordo con la Legge 92/2004, il lavoro di ricerca e divulgativo delle associazioni degli esuli giuliano-dalmati fin dall’immediato dopoguerra ed un numero crescente di persone estranee all’ambiente della diaspora adriatica ma interessate a conoscere e a far conoscere la storia del confine orientale italiano hanno consentito di arrivare a questi risultati. Tra le varie iniziative fiorite al di fuori delle...
Italo Svevo 2

Cent’anni della “Coscienza di Zeno”

A Trieste il 'la' alle celebrazioni sveviane l'ha dato a dicembre il museo intitolato al grande scrittore, con un'edizione a tema dell'annuale manifestazione 'Buon compleanno Svevo' e una mostra (ora visitabile fino a giugno) che illumina la 'quintessenza' della 'Coscienza di Zeno', a cominciare da quella che fu una partenza un po' accidentata. Perché il romanzo che nel 1923 viene pubblicato - a spese dell'autore - dall'editore Cappelli di Bologna nasce, come spiega il responsabile del Museo Sveviano Riccardo Cepach, "sotto il segno del paradosso: è una delle opere più innovative, profonde, ironiche, moderne che la letteratura italiana abbia prodotto nel primo quarto del Novecento e...
Asi Corsa Del Ricordo Roma 2023 Abodi

Anche il ministro Abodi parteciperà alla X Corsa del Ricordo

In un clima festoso e ricco di pathos è stata presentata lo scorso 25 gennaio nella Sala della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la X Edizione della Corsa del Ricordo che si correrà a Roma il prossimo 5 febbraio. La conferenza si è svolta alla presenza del Ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi e di Claudio Barbaro presidente di Asi, l’ente di promozione sportiva che da sempre promuove e organizza la Corsa del Ricordo. Il Ministro ci ha tenuto a sottolineare l’importanza storico/culturale della manifestazione e ad affermare ‘Il prossimo 5 febbraio sarò al via e correrò tutti i 10 chilometri della Corsa”. Presenti alla conferenza anche il direttore generale...
Fiume Via Pomerio Via Sinagoga

Gli ebrei a Fiume dal ’600 al ’900

Già nel ’600 risultava presente a Fiume una Comunità ebrea relegata nel ghetto tra Piazza Tre Re e Calle del Tempio con un proprio spazio adibito a cimitero a Cosala. Fu nel 1781 che l’Imperatore Giuseppe Il d’Austria emanò un Editto di tolleranza, che esonerava gli ebrei austriaci da varie incombenze proibitive e dall’obbligo di vivere segregati nei ghetti, cui seguì da parte del governatore ungherese della nostra città, Giovanni Szapary, il loro riconoscimento ufficiale d’esistenza. Arrivarono a Fiume molti ebrei attratti dallo sviluppo commerciale e portuale della città che aveva lo status di Corpus Separatum della Corona ungarica.Furono soprattutto ungheresi, i quali...
Radio Capodistria Trieste Pietra Inciampo

Quindici nuove pietre d’inciampo a Trieste

A Trieste sono state installate 15 nuove pietre d'inciampo e per la prima volta in Italia una è stata dedicata ad un deportato Rom, per iniziativa congiunta dell'Unione Giovani Ebrei Italiani e dell'Unione delle Comunità Romanès in Italia. Si tratta di Romano Held, musicista di 17 anni deportato a Dachau nel 1944, liberato alla fine della guerra ma comunque deceduto poco dopo a causa delle precarie condizione di salute dovute ai maltrattamenti subiti durante la prigionia. Da notare che solitamente le pietre d’inciampo vengono collocate davanti all’abitazione del deportato, nel caso di Romano invece s’è scelto significativamente di metterla in piazza della Libertà a Trieste...
Agnini A Mio Padre Alpino Aviani

A mio padre alpino: un diario tra guerra e irredentismo

Ricorre oggi la prima Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini, istituita dalla Legge 44/2022: per celebrarla segnaliamo "A mio padre alpino. Il diario di mio padre nella grande guerra, che volle partire “volontario” per seguire l’ideale dell’irredentismo" di Gaetano Paolo Agnini. Pagine poco conosciute della Grande Guerra, sul filo del ricordo di eroi noti e ignoti. Dopo cento anni dal conflitto che infiammò l’Europa e coinvolse e sconvolse il mondo, si ricavano nelle vicende italiane, aspetti nuovi, talvolta inquietanti e inediti. “A mio padre alpino” è una storia vera basata su documenti originali che porta alla luce fatti e angosce umane...
Mili Muoi L Esodo Dei Miei Colombo

Mili muoi, l’esodo dei miei

“Mili muoi, così mi chiamava mia nonna…” Carlo Colombo è un pianista, autore e cantante trevigiano, ma è anche un figlio di profughi giuliano-dalmati. Ha deciso di affrontare lo spinoso tema dell’esodo dai territori dell’Istria e della Dalmazia a seguito dell’instaurazione della dittatura comunista della Yugoslavia di Tito dopo il 1945, vissuto in primis dalla sua famiglia sia paterna che materna. Racconta storie di fughe via mare e via terra accompagnandosi con il pianoforte, l’ekatron e il Toy Piano; lo fa anche cantando canzoni d’epoca e canzoni originali che ha scritto appositamente per questo spettacolo. Le testimonianze sono tutte dirette e acquisite sin...
Bergamo Brescia 2023 Capitale Italiana Cultura

L’accoglienza degli esuli nel programma di Bergamo e Brescia 2023

Una doppia cerimonia di inaugurazione di Bergamo e Brescia come Capitale italiana della Cultura 2023 ha avuto luogo in entrambe le città, al Teatro Grande di Brescia, al Teatro Donizetti di Bergamo, venerdì 20 gennaio in contemporanea e in diretta Rai alle ore 17. Dopo l'isola di Procida e il suo successo nel 2022, è la volta delle due città lombarde, tra le prime a essere colpite dalla pandemia. Una scelta - quella di Bergamo e Brescia - che è simbolica e non solo: serve a raccontare l’impegno, la tenacia e la forza che per prime queste due città hanno avuto nel combattere il Covid. Per raccontarlo, i promotori hanno scelto uno slogan unico, che si spiega da sé: “Cultura come...
Stecchina Giuliana Antonio Smareglia E Il Suo Mondo Comunita Istriane

Presentato all’Irci “Antonio Smareglia e il suo mondo”

L’Istituto Regionale per la Cultura Istriana - fiumano – dalmata ha organizzato un incontro per la presentazione del volume “Antonio Smareglia e il suo mondo” di Giuliana Stecchina pubblicato dall'Associazione delle Comunità Istriane. Il libro, definito “piccolo in apparenza, ma ricco di contenuto”, racconta la vita e il mondo del musicista del ‘800 nato a Pola e che ha scoperto e approfondito la sua passione per la musica sinfonica nelle nostre terre. L’autrice ha spiegato perché ha voluto approfondire la sua storia, definendo la sua musica “coinvolgente, che si fa capire alla prima battuta, che ammicca anche quando non rispecchia le caratteristiche del...
Crsr Ricerche Sociali 26 2022

Storia e identità dell’Alto Adriatico nelle riviste del CRS di Rovigno

Il Centro di ricerche storiche di Rovigno in collaborazione con l’Unione Italiana e l’Università popolare di Trieste, ha presentato nella sala dedicata al ricordo dell’illustre storico rovignese Bernardo Benussi presso il CRS, il Bollettino promosso dal Centro di ricerche storiche, “La Ricerca” nella sua 82.esima edizione nonchè il 26.esimo numero della rivista “Ricerche sociali”. A presentare “La Ricerca” nella sua 82.esima edizione è stato Nicolò Sponza, redattore del suddetto Bollettino pubblicato lo scorso dicembre. Edilizia scolastica e sviluppo architettonico “La Ricerca” propone tre contributi di storici e collaboratori del CRS di Rovigno, tra cui la...