Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
August 3rd, 2021
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Scansione0010 2

Capodistria, il Leone Marciano tornerà a casa?

CAPODISTRIA – Non si è riusciti a chiarire per mano di chi e in quale anno il Leone Marciano in pietra d’Istria, che si trovava sulla facciata dell’Armeria (Monte di Pietà), sia stato portato via da Capodistria, approdando al Castello di Tersatto a Fiume. Nonostante ciò, la tavola rotonda “Il Leone Marciano dell’Armeria. Da Capodistria a Tersatto”, organizzata mercoledì sera dalla Società umanistica “Histria” in collaborazione con la Comunità degli Italiani “Santorio Santorio”, ha proposto alcuni interessanti spunti e ricostruzioni, illustrati nella gremita sala di Palazzo Gravisi dai quattro relatori, coordinati da Edvilijo Gardina, esperto di storia dell’arte e...
Paroliamo 470x352

Lingue in via d’estinzione in Croazia ce ne sono tre

Di un totale di 24 lingue europee a rischio di estinzione, tre vengono parlate sul territorio croato. A lanciare l’allarme è stato il quotidiano britannico “Telegraph”. Il 13.esimo posto sulla scaletta è occupato dalla lingua istrorumena, appartenente al gruppo delle lingue romanze. Questa lingua conta 300 parlanti nativi e viene parlata in alcune località nel nord dell’Istria, per la maggior parte nella zona ai piedi del Monte Maggiore e nella Cicceria, a Seiane e Valdarsa (Susgnevizza). Al 16.esimo posto la lingua istriota, con 400 parlanti, pure del gruppo di lingue romanze (lingue italo-occidentali), parlata nella zona occidentale della penisola istriana. Una delle lingue...
Cittanova

Ligi Roberto, una scrittrice innamorata della sua Istria

È stato presentato sabato scorso nella suggestiva cornice della Chiesa di S. Caterina al Museo civico di Treviso, il libro “Istria, amata e sconosciuta” di Ligi Roberto, trevigiana di adozione e cittanovese di nascita. A presentare la raccolta di racconti e novelle è stato lo scrittore triestino, prof. Boris Pahor. Nell’opera l’autrice si sofferma su storie di una realtà di confine, sui legami tra le due sponde adriatiche e sulla situazione prima e dopo l’esodo. Ancora una volta Roberto esprime l’amore verso la sua Istria, quella terra che ha dovuto lasciare, ancora bambina, nel 1946. In questo volume, come pure in quelli precedenti, trovano spazio i ricordi e i luoghi...
Antonio Ballarin

La comunicazione di Antonio Ballarin a «Il Piccolo»

Si pubblica il testo integrale della lettera inviata dal Presidente della FederEsuli, Antonio Ballarin, alla Redazione de «Il Piccolo» e alle associazioni giuliane, fiumane e dalmate.  Roma 1 gennaio 2014 Gentilissimo Direttore de Il Piccolo, Cari Amici, Anche in relazione alle pressanti informazioni mediatiche che – tutte in un’unica direzione, spesso fuorvianti e raramente surrogate da elementi veritieri ed ufficiali – stanno circolando irrazionalmente in questo periodo, preme specificare quanto segue. La Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati è destinataria della legge 72/2001 e sue successive modifiche. Il primo comma dell’articolo 1...
9788804634850 Rose Bianche A Fiume Copertina 2D In Carosello

Rose bianche a Fiume, Zecchi presenta il suo romanzo a Trieste

Venerdì 28 novembre alle ore 18.00 nella Sala Enel del Tergesteo (Piazza della Borsa 15, Trieste) Stefano Zecchi presenta il suo ultimo romanzo, Rose bianche a Fiume. Presenta l’autore il giornalista Pietro Spirito de “Il Piccolo”. « Dopo il romanzo “Quando ci batteva forte il cuore” virato sulle stragi delle foibe, e il saggio su Maria Pasquinelli, - ha scritto lo stesso Spirito sul quotidiano triestino – Stefano Zecchi torna a intingere la penna nella tormentata storia delle terre cedute e dell’esodo con il romanzo “Rose bianche a Fiume” (Mondadori, pagg. 245, euro 18,00), trovando nelle vicende dell’immediato dopoguerra in queste regioni ghiotta materia...
T 20091013 H231LN 0

Capodistria: nuovo console

La nuova Console generale d’Italia a Capodistria è l’avv. Iva Palmieri, già Console generale d’Italia a Charleroi. La sua prima uscita pubblica nella nuova veste è avvenuta il 5 novembre al cinema “Odeon” di Isola, gremito di pubblico per la proiezione del film antimilitarista di Ermanno Olmi Torneranno i prati, trasmesso in anteprima contemporanea in 100 paesi nell’anniversario della fine della Prima guerra mondiale. La Console ha poi reso omaggio ai Defunti il 6 novembre nel cimitero di Isola. Alla deposizione di corone e fiori e alla messa hanno preso parte anche Alberto Scheriani, presidente della Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana, Marko...
Cultura

Kandler e Luciani carteggio di una vita

È stato presentato ieri (21/11/2014) al Centro di Ricerche Storiche di Rovigno il volume intitolato “Il carteggio Pietro Kandler – Tomaso Luciani (1843-1871)”, di Giovanni Radossi, fondatore e direttore dell’istituzione. L’opera fa parte della Collana degli Atti del CRS ed è fondamentale per la storia dei nostri territori. L’autore, che da lungo tempo si occupa di corrispondenze epistolari tra personalità illustri della nostra regione, di cui diverse sono state pubblicate proprio sulle riviste degli Atti, ha illustrato nell’occasione i contenuti del volume, stavolta dedicato a un solo carteggio. Il relatore ha presentato i protagonisti e il contesto storico, affiancato dal...
Creattivi Sistemi Di Dialogo 640x251

Riparte il dialogo tra il governo e gli esuli

TRIESTE – Lo Stato italiano e le sigle degli esuli stanno per riaprire un canale di dialogo ufficiale. È una delle notizie arrivate dal convegno che l’Unione degli Istriani ha organizzato ieri per festeggiare i suoi 60 anni. Una giornata di studi e testimonianze, in apertura della quale la presidente regionale Debora Serracchiani ha annunciato di aver chiesto la riapertura del Tavolo di coordinamento governativo con le associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati presso la presidenza del consiglio. Un tavolo che, tra le altre cose, potrebbe servire anche a risolvere l’annosa quaestio dei soldi di Osimo, dibattuta ormai da lungo tempo nel mondo degli esuli. Parliamo dei...
Duomo Di Pisino Fb

Una città scolpita nelle pietre del suo duomo

“Fare la storia del Duomo, significa rievocare le vicende ora prospere ed ora avverse della città. È stato costruito forse tre secoli dopo il castello e l’insediamento della prima popolazione e porta incise nelle sue pietre e nella sua tormentata architettura le date fondamentali della sua esistenza e delle continue trasformazioni subite. Pisino non è antica come le altre consorelle istriane. È nata per un bisogno di difesa dalle incursioni di altri popoli, che premevano dai monti verso l’Adriatico ed è rimasta sempre fedele a questa sua vocazione”, scriveva quasi quarant’anni fa Nerina Feresini (1912-2007), pisinese doc, una professoressa che insegnò in diverse scuole a...
Drenig   Fiume 1934  1940 1

Trieste accoglie Francesco Drenig

Dal 12 novembre si tiene a Palazzo Gopcevich a Trieste, la mostra intitolata “Drenig. Contatti culturali italo-croati a Fiume 1900-1950”, allestita già l’anno scorso al Museo civico di Fiume/Rijeka con la partecipazione dell’ente museale e il contributo della Società di Studi Fiumani a Roma, con il sostegno dell’Unione Italiana e della Città di Fiume. Organizzatore dell’evento è la Comunità croata del capoluogo giuliano. La mostra sarà allestita negli spazi della sala “Attilio Selva” in via Rossi 4 a Trieste, gli stessiCurata da Ervin Dubrović, con una parte consistente del materiale offerto dalla Società di Studi Fiumani, la mostra “Drenig. Contatti...