Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
September 22nd, 2019
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

SocietaStudiFiumani

D’Annunzio a Trieste e a Fiume

In seguito agli eventi del 12 settembre u.s. “D’Annunzio a Trieste e a Fiume” la Società di Studi Fiumani considera queste azioni, al di là delle dichiarazioni più o meno giustificative, profondamente sbagliate e dannose. Rilievo mediatico e ripercussioni diplomatiche hanno avuto alcune azioni organizzate in Italia (a Trieste) e a Fiume in occasione dell’anniversario dell’Impresa fiumana di d’Annunzio. Ci limitiamo a quelle promosse da alcuni cittadini italiani nella città quarnerina. Nella mattina del 12 settembre una grande bandiera italiana è stata appesa sull’inferriata del Palazzo del Governo di Fiume e sette giovani si sono fatti fotografare con la bandiera alle...
CA 3 2019

Bollettino 3_2019 di Coordinamento Adriatico

Il terzo bollettino del 2019 dell'Associazione Coordinamento Adriatico può essere scaricato gratuitamente in formato Pdf a questo link: http://www.coordinamentoadriatico.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/03/CA_03-2019-DEF.pdf 
2 Invito LESODO DA PIEMONTE DISTRIA

No se podeva star

La presentazione del libro L' ESODO DA PIEMONTE D' ISTRIA. "no se podeva star..." avrà luogo sabato 21 settembre 2019 alle ore 17.30 presso la sede dell' Associazione delle Comunità Istriane in via Belpoggio 29/1, Trieste, e domenica 22 settembre 2019 alle ore 18.00 presso il Centro Polifunzionale di Piemonte d' Istria (Grisignana). Al volume, curato da Franco Biloslavo (segretario della Comunità di Piemonte d'Istria), che raccoglie le memorie dei piemontesi esuli dal loro paese dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, è allegata la registrazione dello spettacolo "TORNAR"  realizzato  da Simone Cristicchi a Piemonte d' Istria nel...
CdR Logo

Borghese e Demarchi vincono la Corsa del Ricordo

Trieste, domenica 15 settembre 2019 - Trieste Running Festival Sono Marinella Borghes (Marc.Gorizia) e Jacopo Demarchi (Trieste Atletica), i vincitori della 2.Corsa del Ricordo, organizzata domenica 15 settembre, con partenza e arrivo dalla Foiba di Basovizza, iniziativa che si svolge anche a Roma e che punta a ricordare la tragedia delle foibe e l’esodo giuliano-dalmata. Un centinaio i partecipanti, divisi in un percorso non competitivo, di circa 4km, e in uno con classifica finale, di circa 8km, un tracciato molto apprezzato dai runner, per la maggior parte su sterrato e con scorci panoramici mozzafiato. Podio maschile tutto targato Trieste Atletica, Jacopo Demarchi ha tagliato...
Ragazzi Fiume 620x350

Lettera a Marcello Veneziani

Caro Marcello Veneziani, Le scrivo dopo aver letto, insieme a tanti di noi, il suo bellissimo pezzo del 13 u.s. su La Verità dal titolo “E l’Italia perduta fu ritrovata a Fiume”. Come Lei sa il mondo dell’Esodo Giuliano-Dalmata raduna un popolo; tante persone distribuite in Italia e nel Mondo che furono costretti ad abbandonare i beni e gli effetti per salvaguardare la propria identità italiana e, con essa, la libertà. Questo pezzo di popolo italiano non è affatto morto, ma vivo e generativo, e prosegue la sua opera di testimonianza e ricucitura paziente con la terra di origine, con le Comunità italiane autoctone di Slovenia e Croazia e, financo, coi governi di quei...
Federesuli

Fiume, 12 settembre 1919-2019

L’impresa di Fiume di D’Annunzio e l’odierna complessità della storia del Popolo Istriano, Fiumano e Dalmata   Le Associazioni degli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati, nei lunghi anni che vanno dal dopoguerra ad oggi, hanno saputo testimoniare le vicende umane dell’Esodo Giuliano-Dalmata e della persecuzione verso le popolazioni autoctone italofone dell’Adriatico orientale. Tale testimonianza è stata sempre ricolma di tenacia, passione e tensione verso un’ideale di Memoria in grado di contribuire fattivamente ad un’etica positiva nella società. In questa azione perpetrata all’insegna della verità, le Associazioni degli Esuli hanno saputo costruire...
16 1

Le Comunità Istriane respingono i tentativi di provocazione a Fiume

Le Comunità Istriane nel segno della nuova coesione europea respingono i tentativi di provocazione a Fiume. L’Associazione delle Comunità Istriane esprime rammarico e sorpresa per le azioni promosse da gruppi di cittadini italiani a Fiume - oggi Rijeka - tese a suscitare tensioni politiche e diplomatiche sul confine orientale in occasione del centenario dell’entrata a Fiume di Gabriele d’Annunzio alla testa dei suoi legionari il 12 settembre 1919. Le Comunità Istriane ricordano che il mondo della diaspora degli esuli istriani-fiumani e dalmati da sempre ricorda nel suo quadro storico gli eventi fiumani, che sono parte della Storia d'Italia e d'Europa. Confidano che la natura...
LaDdC DAaF

Tutelare la storia dell’italianità fiumana senza provocazioni

L’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia si dissocia dalle iniziative provocatorie e non concordate a livello istituzionale ed ufficiale che hanno caratterizzato la giornata del centenario dell’entrata a Fiume di Gabriele d’Annunzio alla testa dei suoi legionari il 12 settembre 1919. L’A.N.V.G.D. ricorda e celebra tale ricorrenza attraverso convegni, pubblicazioni ed iniziative istituzionali, commemorando così l’italianità della città di Fiume, come espressa dalla dichiarazione di annessione all’Italia pronunciata dal Consiglio nazionale cittadino il 30 ottobre 1918 e che l’azione dannunziana intese concretizzare fino al tragico epilogo del Natale di sangue....
GdA A Fiume

Fiume, 100 anni fa l’impresa che poteva cambiare l’Italia

di Alessandro Gnocchi - 12/09/2019 - Il Giornale Raccontare Fiume cento anni dopo l'impresa di Gabriele d'Annunzio è un viaggio nella storia che conduce al presente. Partenza da Milano, autostrada per Trieste. Il casello di Desenzano è l'uscita giusta per raggiungere il Vittoriale, la casa opera d'arte dove il poeta si ritirò alla conclusione dell'avventura fiumana. Poi si passa per Palmanova, la città dove Guido Keller, segretario d'azione del Comandante d'Annunzio, si impadronì dei camion necessari per trasportare i legionari a Fiume. Poco dopo si intravede il sacrario di Redipuglia, l'omaggio ai caduti della Prima guerra mondiale. Il grosso dei dannunziani, incluso il poeta,...
GdA Fiume

L’impresa di Fiume. Un’azione patriottica, poi rivoluzionaria

di Marino Micich – Direttore dell’Archivio Museo Storico di Fiume - Mediterraneo e dintorni Il 12 settembre 1919 Gabriele D’Annunzio partendo da Ronchi giungeva a Fiume con circa duecento legionari, i quali sarebbero diventati il mese successivo più di tremila. Si trattava di un’azione armata condivisa da importanti settori dell’Esercito italiano, come da diversi ambienti politici e massonici.  L’impresa  fiumana nasceva dall’insoddisfazione per le questioni territoriali rimaste irrisolte dopo il primo conflitto mondiale tra italiani e jugoslavi, questi ultimi appoggiati da francesi e statunitensi.  «Vittoria nostra, non sarai mutilata»: con questa frase pubblicata...