Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
September 24th, 2020
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

BENVENUTI Copertina

L’esodo di Nino Benvenuti a fumetti

Nino Benvenuti - Mario Grimaldi, Nino Benvenuti. Il mio esodo dall'Istria,  disegni di Giuseppe Botte, postfazione di Emanuele Merlino, Ferrogallico, Milano 2020. L’autobiografia a fumetti di Nino Benvenuti, uno dei più grandi pugili italiani di tutti i tempi, è il racconto di un ragazzo e del suo sogno, ma, anche, di un dramma… Il dramma degli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia costretti all’esodo, dopo la Seconda guerra mondiale, per sfuggire alle terribili violenze, agli omicidi, agli infoibamenti scatenati dalle truppe comuniste jugoslave di Tito. Nino Benvenuti, istriano, è il simbolo del riscatto: la sua indimenticabile conquista della medaglia d’oro alle Olimpiadi...
Benvenuti Crowdfounding

Nino Benvenuti: «La mia vita, un film con l’Istria e Trieste sempre nel cuore»

Il grande campione di boxe alla vigilia del suo compleanno «La famiglia in cui sono nato il segreto del mio successo»  di Guido Barella - 19/04/2018 Nino Benvenuti, fra pochi giorni, il 26 aprile, saranno 80 anni. Ottant’anni di una storia iniziata in Istria, nella sua Isola... Una cittadina adorabile, magnifica. Ce ne siamo andati, esuli, che ero alle medie, eppure i ricordi sono rimasti intatti. I miei erano commercianti di pesce ma anche agricoltori, avevamo quattro campi e facevamo dell’ottimo vino: io sono cresciuto con i prodotti della terra, da noi coltivati. Papà aveva costruito una casa all’ingresso del paese mentre la casa dei nonni, quattro piani proprio...
Benvenuti Crowdfounding

Nino Benvenuti: ho bisogno del vostro aiuto per raccontare la mia Istria

Cari amici, se la matematica non è un’opinione, il prossimo 26 aprile compirò 80 anni. Sono salito su un ring oltre 200 volte e ho tanti ricordi, molti dei quali li ho condivisi con voi. Vi ricordate quanti eravamo la notte del 17 aprile 1967? Insieme a me, sul ring, idealmente c’erano 18 milioni di italiani, con le orecchie incollate alla radiolina per la diretta di Paolo Valenti, a gioire per la conquista, al Madison Square Garden di New York, del titolo mondiale dei pesi medi. Ma c’è un ricordo, su tutti, a cui sono particolarmente legato. È quello della nostra terra. Dell’Istria, della Dalmazia. Vorrei dare un contributo a questa terra, per continuare a tenere vivo il...