Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
June 29th, 2022
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

FB IMG 1616662975287

I dalmati hanno commemorato la fondazione di Venezia

Dalmazia e Venezia, unite da secoli e secoli di storia. Nel giorno dell’Annunciazione ricordiamo il 25 marzo 421. La tradizione ci dice che la regina dell’Adriatico fondò il suo primo insediamento in un’isoletta più alta delle altre. Per questa caratteristica è stata chiamata Rialto, da Rivus Altus. A Rialto fu costruita la chiesa di San Giacometo grazie a Candioto (o Eutinoto) che fece voto dopo essere stato salvato da un incendio. Del 25 marzo 421, data cui si fa risalire la nascita di Venezia, si legge traccia nel Chronicon Altinate risalente al XI secolo e nei Diarii di Marin Sanudo del XVI secolo. Ieri, venerdì 25 marzo, alla Santa Messa celebrativa in Basilica di...
Ottorino Luxardo Campanile Di San Marco El Paron De Casa Venezia 1600 Istituto Sarpi

Ottorino Luxardo, zaratino a Venezia per il Campanile di San Marco

Tra l’800 e il ‘900 c’è un Dalmata illustre che si intreccia con la storia di Venezia. L’ingegno zaratino del professor Ottorino Luxardo a Venezia merita un approfondimento. Nel 1906 fu incaricato di stendere la Relazione sullo studio chimico dei materiali adoperati per la costruzione del Campanile di San Marco. Conosciamo bene i legami che uniscono la Dalmazia a Venezia. Ricordo e tradizione sono tuttora vivissimi. La Festa della Sensa è celebrata da un millennio. La Scuola Dàlmata dei Santi Giorgio e Trifone è attiva dal 1451. L’intelligenza e la passione di Ottorino Luxardo per la scienza furono notate già nel 1894 con la nomina a Preside dell’Istituto Paolo...
Intervista 3 1

Al Lido di Venezia un giardino per Alida Valli

L'area verde adiacente al palazzo del Casinò verrà presto intitolata all'attrice, già Leone d'Oro alla carriera nel 1997 e icona del cinema Omaggio a un’icona della settima arte, in un luogo simbolo stesso della cinematografia italiana e mondiale: il Lido di Venezia. Mancano poco più di due settimane dall’inaugurazione della Mostra n. 78 e di recente la Giunta comunale di Venezia ha deciso di intitolare alla leggendaria Alida Valli l’area verde adiacente al palazzo del Casinò, tra la Piazzetta Nicolò Spada e Via delle Quattro Fontane. Già Leone d’Oro alla carriera nel 1997, con il suo nome darà ancor più valore ad uno dei luoghi più significativi della Mostra e di...
Sensa Sposalizio Mare Venezia

Sensa, Dalmazia e Doge Pietro II Orseolo

La Sensa, antica tradizione Serenissima dello sposalizio con il mare, si tramanda fin dal Medioevo. S.E. Patriarca di Venezia Francesco Moraglia ha sottolineato che “il mare non è un confine che separa, ma un ponte che unisce e allora questi episodi storici ben vengano nel ricordo e soprattutto per essere stimolo per considerare quanto il nostro oggi ha bisogno di meditare, di vivere e soprattutto di trovare anche a livello personale, sociale e politico degli stili capaci di generare pace”. La Sensa, antica tradizione Serenissima dello sposalizio con il mare, si tramanda fin dal Medioevo. S.E. Patriarca di Venezia Francesco Moraglia ha sottolineato che “il mare non è un...
Buie 0010 Colonna Con Leone Di S.Marco

Il Leone di San Marco: simbolo nobile di identità culturale

Il Leone di San Marco fu elevato dagli esuli giuliano-dalmati a nobile simbolo identitario nel corso del doloroso esodo, avvenuto dopo l’occupazione jugoslava delle terre istriane, fiumane e dalmate. Ricordare la storia di tale emblema oggi, 25 aprile, festa di San Marco, significa voler testimoniare la persistenza di un’eredità storica e culturale, mantenutasi fedelmente in esilio ai fini di un rinnovato dialogo europeo con le terre di origine.   Origini e simbologia   Il virtuoso trinomio Leone-San Marco-Venezia, che si ritrova in parte nell’espressione dialettale “San Marco in forma de lion”, si è realizzato dopo un lungo e complesso processo storico. La...
FB IMG 1616662975287

1600 anni di italianità adriatica nel nome di Venezia

Per l’italianità dell’Adriatico orientale, Venezia, di cui oggi, 25 marzo 2021, festeggiamo i 1600 anni dalla fondazione, ha sempre rappresentato un punto di riferimento, l’elemento di congiunzione più genuino con la penisola italica, con la sua lingua e la sua cultura. Sotto il motto “Pax tibi Marce Evangelista meus” inciso sulle raffigurazioni del leone di San Marco che decoravano chiese, palazzi e fortezze da Muggia a Dulcigno, passando per Capodistria e Zara, si consolidarono i rapporti tra le due sponde dell’Adriatico, non solo nel nome dei commerci e dei traffici, ma anche della circolazione artistica e culturale: così si mantennero all’interno dell’ecumene...
VENEZIA RICORDA L’arrivo Dei Profughi Giuliano Dalmati A Venezia A Cura Di Vittorio Baroni

L’arrivo dei profughi giuliano-dalmati a Venezia

Mio padre Sergio Baroni, nato e vissuto a Zara, profugo a Venezia con tutta la famiglia, era amico di Gigio Zanon. Ringrazio di cuore Marco Zanon che ha ricordato così “il racconto della testimonianza di mio padre quando vide gli esuli istriani arrivare a Venezia, a quell'epoca aveva solo 8 anni e non dimenticò mai quei tragici momenti, gli rimasero impressi fino alla fine...”.  A cura di Vittorio Baroni - 10 febbraio 2021    Ricordo di una brutta giornata  di Luigi "Gigio" Zanon    Era finita la guerra da pochi mesi ed eravamo ancora occupati dagli Alleati. Vicino a casa mia c'era un ex convento di frati Teatini, di pertinenza della chiesa dei...
Ve Temp Cop001

Venezia nella tempesta

L’inizio del Cinquecento rappresenta il secolo della grande svolta nella storia veneziana: la repubblica perde egemonia marittima e peso politico in Italia e in Europa. La Serenissima inizia affrontando una seconda volta l’impero Ottomano, uscendone di nuovo sconfitta. La Guerra della Lega di Cambrai, poi, rischia addirittura di distruggerla. Assieme al dominio del mare, però, evaporano l’identità e la cultura marittime costruite nei secoli. Non si tratta soltanto di dover spartire traffici e rotte navali, prima esclusivi, ma della crisi della civiltà sulla quale Venezia ha edificato sé stessa e la propria fortuna, avendo fallito, nel corso del Quattrocento, nel raggiungere una...
Slide 2

Il coro di Pola a Venezia

Il Comitato provinciale di Venezia dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia insieme con il Comune di Venezia organizza a conclusione delle iniziative per il Giorno del Ricordo 2019 il concerto del coro "Lino Mariani" della Comunità degli Italiani di Pola sabato 9 marzo alle ore 18:00 presso la Chiesa di Sant'Angelo Raffaele a Venezia. Nella medesima Chiesa l'indomani, domenica 10 marzo, la messa delle 9:30 verrà accompagnata dal coro "Mariani". Programma di sala: Coro femminile Madrigale (N. Milotti) Canzone gondoliera (B. Cherubini – E. Rusconi) Il dolce paese (S. Endrigo) Coro delle zingarelle (G. Verdi) Accompagnamento al pianoforte: M° Branko Okmaca Dirige:...
FoibaRossaPadova

“Foiba rossa” verrà presentato a Padova

Dopo le polemiche, finalmente verrà presentato a Padova, grazie all'impegno dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, il fumetto "Foiba rossa" dedicato alla tragedia di Norma Cossetto. Anche la prestigiosa sede istituzionale del Consiglio Regionale del Veneto presenterà l'opera di Beniamino Dlevecchio ed Emanuele Merlino realizzata per i tipi di...

 ”VERITA’ INFOIBATE
Il Ricordo a Bergamo

GUARDA LA DIRETTA

Intervengono:
Fausto Biloslavo il Giornale
Matteo Carnieletto il Giornale
Maria Elena Depetroni Anvgd Bg
Coordinamento : Viviana Facchinetti

×