Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
October 16th, 2021
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

Campane Trieste

Il dramma infinito della Venezia Giulia e della Dalmazia nel secondo dopoguerra

Nell'ambito delle iniziative del Gruppo di lavoro per la conoscenza della storia degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati, la Direzione generale Ordinamenti scolastici, valutazione e Internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione, in collaborazione con le Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati, organizza l'XI Seminario nazionale rivolto ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, finalizzato all'approfondimento di un periodo storico particolarmente significativo per le popolazioni coinvolte. Il Seminario 2021 è intitolato "Il dramma infinito della Venezia Giulia e della Dalmazia nel secondo dopoguerra" e si svolgerà a Trieste dal 25 al 28 ottobre: le...
IMG 20210905 234202

«Tutti insieme appassionatamente» nell’Adriatico

La storia del capitano Georg Ludwig von Trapp e della sua famiglia tra Vienna, Pola, Fiume e gli Stati Uniti. “The sound of music” (Tutti assieme appassionatamente) film del 1965, diretto da Robert Wise e interpretato da Julie Andrews e Christopher Plummer è uno dei musical più celebri, seguito da generazioni di telespettatori. La trama del film racconta la storia di Maria Augusta Kutschera, una ragazza viennese che fu inviata come istitutrice nella casa di un vedovo, ufficiale della ex marina austroungarica. Maria nacque nel 1905 su un treno diretto a Vienna. Nel 1924 entrò come novizia nell’abbazia Nonnberg di Salisburgo, ma due anni dopo le fu affidato il compito di occuparsi...
1946 08 18 Vergarolla Da Grido Dell Istria

Ha un nome l’uomo della foto della strage di Vergarolla

75 anni fa l'esplosione a Pola che dilaniò cento persone. Bruno Castro, testimone diretto, dal Canada racconta per la prima volta la verità sulla foto simbolo della foto con la bambina decapitata. Un colpo secco come di pistola, poi la fine del mondo: un’esplosione frantuma le rocce su cui migliaia di persone si stanno godendo l’assolata domenica di agosto, la pineta divampa in un rogo, il mare si arrossa di sangue e i gabbiani impazziti si contendono i resti umani che piovono dal cielo. Mentre un fungo di fumo si alza dalla spiaggia, per un raggio di chilometri la città intera sobbalza mandando in pezzi vetrine e finestre. Pola, Italia, 18 agosto 1946, oggi 75 anni...
Geppino Micheletti

Micheletti medico ed eroe di Vergarolla

Annamaria Crasti, responsabile del Comitato provinciale di Milano dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia per i rapporti con le scuole, è un’ esule istriana che ha trascorso parte della sua fanciullezza ad Orsera d’Istria, nel territorio di Pola, oggi parte della Croazia. Nell’articolo riportato qui di seguito, ricorda uno dei tragici eventi e un medico che rimase in ospedale ad assistere i feriti che arrivavano, senza sosta, restò al suo posto anche quando scoprì che tra i feriti c’erano i suoi due figli, che purtroppo non riusciranno a sopravvivere.   18 Agosto 1946: a Pola si muore. Tra le 110 vittime, ufficiali e no, della più grave strage avvenuta...
Trieste Monumento A Sauro Inaugurato Il 10 Agosto 1966

105 anni fa il martirio di Nazario Sauro

Il 20 settembre 1880 ricorrevano dieci anni dalla Breccia di Porta Pia, attraverso la quale le truppe del Regno d’Italia avevano espugnato Roma, ponendo fine al potere temporale dei Papi e arricchendo il percorso risorgimentale con la conquista di quella che doveva essere la Capitale dell’Italia unita. Tuttavia all’epoca erano ancora sottoposte alla dominazione dell’Impero austro-ungarico terre in cui vi era una maggioranza di popolazione di lingua, sentimenti e cultura italiana: il Trentino, la Venezia Giulia (comprendente Trieste, Gorizia e l’Istria), Fiume e le città della costa dalmata. Patrioti e intellettuali italiani impegnati chiamavano quelle terre “irredente”,...
Pola

«Diritti della CNI, non c’è da temere»

Si è svolto lunedì 28 giugno al municipio di Pola l’incontro tra i rappresentanti dell’Unione Italiana e della nuova amministrazione polese da poco insediata. Si sono incontrati dunque il vicesindaco di Pola Bruno Cergnul, il presidente della Giunta esecutiva dell’UI Marin Corva e Tamara Brussich, presidente della Comunità degli Italiani polese. Ecco che cosa hanno detto i protagonisti nelle dichiarazioni che ci sono state rilasciate a conclusione della riunione a porte chiuse. Così Marin Corva: “Qualche giorno fa ho chiesto udienza al nuovo vicesindaco di Pola eletto in quota CNI, Bruno Cergnul, in presenza della presidente della Comunità degli Italiani di Pola Tamara...
SImone Pola Puglia

I ricordi «gastronomici» di un esule istriano in Puglia

Sul sito del giornale indipendente Mola Libera, di Bari, le curiose testimonianze del prof. Dionisio (Dino) Simone, esule da Pola Sul sito del giornale indipendente Mola Libera, di Bari, di cui è collaboratore, il prof. Dionisio (Dino) Simone, docente di lettere classiche e scrittore, di origini istriane (è nato a Pola il 3 dicembre del 1940), autore, tra l’altro, del libro “Come un gabbiano. L’esodo da Pola settant’anni dopo (1947-2017), “Le parole nostre. Viaggio nella memoria di un profugo istriano” (entrambi per i tipi della Edizioni Dal Sud il primo nel 2014 e il secondo nel 2016) e l’anno scorso del volume “I classici ai tempi del coronavirus”, ha pubblicato...
ALida Locandina

Alida Valli «ritorna» a Pola

Nel giorno della nascita, cent’anni fa, il cinema che porta il suo nome propone il docufilm di Mimmo Verdesca che celebra la prima attrice italiana capace di stregare Hollywood. La pellicola ritrae la protagonista tra arte e amore, presentando documenti, fotografie e filmati personali inediti Un evento imperdibile al Cinema Valli. Tre proiezioni, alle ore 17, 19 e 21, il giorno esatto in cui nacque, cent’anni fa, a Pola. In sala, nella città dell’Arena che le diede i natali, il prossimo 31 maggio, va in scena “Alida”, il docufilm di Mimmo Verdesca che celebra, per la prima volta sullo schermo, la prima attrice italiana a stregare Hollywood. Musa di Visconti, Hitchcock,...
Intervista 3 1

Alida Valli è un mito italiano

Ho avuto la fortuna di iniziare la mia carriera di attore nel 1995 in un grande spettacolo, Questa sera si recita a soggetto, di Luigi Pirandello, diretto da un grande maestro della scena italiana, Peppino Patroni Griffi. Prima dell’avvento dei talent, per recitare si faceva la gavetta sul palcoscenico con piccolissimi ruoli accanto a mostri sacri dello Spettacolo. In quel mio debutto ebbi l’onore di stare al fianco, in due anni di tournée, di un mito del Cinema mondiale di tutti i tempi: Alida Valli. E sono felice che, in questi cento anni dalla sua nascita, sulle nostre pagine di CulturaIdentità suo nipote Pierpaolo De Mejo la ricordi così teneramente in un bellissimo pezzo...
Dante Adriacus

“Dante Adriaticus” per riscoprire l’italianità adriatica

In un’epoca in cui era ancora prematuro parlare di Stato e di Nazione, Dante aveva le idee ben chiare su quali fossero i confini territoriali e culturali d’Italia. Un’Italia concepita come una regione in cui si parlava una medesima lingua, osservata nella varietà dei suoi dialetti nel De vulgari eloquentia, in cui si fa menzione anche dell’istrioto. Un’Italia concepita nella Divina Commedia “com’a Pola presso del Carnaro, ch’Italia chiude e suoi termini bagna”, con riferimento alla necropoli romana di Pola, che l’illustre poeta ebbe quasi sicuramente modo di vedere durante un soggiorno istriano. Nel periodo risorgimentale, in cui la lingua italiana rappresentava una...

 ”VERITA’ INFOIBATE
Il Ricordo a Bergamo

GUARDA LA DIRETTA

Intervengono:
Fausto Biloslavo il Giornale
Matteo Carnieletto il Giornale
Maria Elena Depetroni Anvgd Bg
Coordinamento : Viviana Facchinetti

×