Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana Fiumana Dalmata
May 14th, 2021
+39 040 771569
info@arcipelagoadriatico.it

Archive: Posts

TitiniOpicinaCarriarmati

Nella battaglia di Opicina c’erano già le tensioni della Guerra fredda

Gli eventi che sono stati rievocati sul quotidiano Il Piccolo di Trieste il 30 aprile 2020 nell’articolo “La battaglia di Opicina del 30 aprile 1945. Così partigiani e alleati sbaragliarono i nazisti” forniscono spunti per ulteriori riflessioni sulla situazione locale e internazionale di quell’ultima primavera di conflitto. Si può fare ad esempio riferimento a Leone Veronese Jr. "1945 la battaglia di Opicina" (Luglio, Trieste 2010) ed al lavoro basato su fonti d’intelligence britannica “Flashpoint Trieste. La prima battaglia della Guerra Fredda” di Christian Jennings (Leg, Gorizia 2017), da cui si evince che le operazioni militari dell’alto Adriatico erano senz’altro...
Bombardamenti Pola

I bombardamenti alleati su Pola

Raul Marsetic, I bombardamenti alleati su Pola 1944 - 1945 Vittime, danni, rifugi, disposizioni delle autorità e ricostruzione, Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, Rovigno 2004. Link al PDF: https://www.crsrv.org/pdf/monografie/Monografie_08.pdf Il volume, disponibile gratuitamente in formato Pdf, è il risultato finale della volontà di ricostruire le vicende relative ai bombardamenti che subì Pola nel corso della Seconda guerra mondiale con la consapevolezza e la responsabilità di trattare un argomento che ha rappresentato, insieme all'esodo del 1947, uno dei periodi più difficili di tutta la sua lunga storia, unico momento della sua storia recente in cui si verificarono delle...
Spada Istria

Così l’Italia salvò l’arte e i monumenti dell’Istria in guerra

Il saggio di Irene Spada pubblicato da Marsilio ricostruisce la tutela dei beni culturali nella penisola  di PIERLUIGI SABATTI 20 gennaio 2018 Il libro di Irene Spada “L’Italia in Istria – tutela conservazione e restauro dei beni culturali tra le due guerre mondiali” (Marsilio editore, pagg. 352, Euro 35,00) «fa luce – spiega nella prefazione la storica dell’arte Rossella Fabiani – su un segmento poco conosciuto nella storia dell’Ottocento e del Novecento: la tutela e la conservazione dei monumenti nelle terre di confine, con particolare riferimento al periodo fra l’inizio della prima guerra mondiale e il termine del secondo confitto». Un volume...
Zidov Bambara

Seconda guerra mondiale: il salvataggio degli ebrei in Jugoslavia e Dalmazia

Erano circa 78 mila gli ebrei che vivevano nei territori dell'allora Regno di Jugoslavia quando il 12 aprile 1941 i nazisti entrarono a Belgrado. La maggior parte fu vittima dell’Olocausto, ma alcune migliaia si salvarono grazie all’esercito italiano. Un libro ricostruisce la vicenda.  30/10/2017 -  Diego Zandel Durante la Seconda guerra mondiale, nelle zone della ex Jugoslavia occupate da italiani e tedeschi, gli alleati croati ustascia di Ante Pavelić non furono certo inferiori per ferocia ai nazisti nei confronti degli ebrei (e dei serbi e dei rom). Anzi, in taluni casi – escluso l’uso dei forni crematori – furono peggiori. I massacri erano tali che allo scopo di...
PoterePopolareCopertina

Il “potere popolare” in Istria (1945-1953)

  Il “potere popolare” in Istria (1945-1953) di Orietta Moscarda Oblak è stato pubblicato dal Centro di Ricerche Storiche di Rovigno nel 2016 nell’ambito della collana Monografie (XIII). Il volume analizza la costruzione del “potere popolare”da parte del nascente regime comunista jugoslavo nella complessa realtà istriana nel periodo che va dal 1945 al 1953. L’attenzione viene rivolta al complesso dei cambiamenti politici, sociali ed economici introdotti nell’area istriana con il passaggio all’amministrazione jugoslava, che coincise con l’instaurazione e l’organizzazione di un nuovo potere politico e civile. La ricerca si concentra su alcuni importanti...